Utente 233XXX
Salve, l'ultimo giorno di Ottobre ho avuto solo un rapporto occasionale orale attivo con una persona solo perchè avevo saputo poco tempo prima che fosse donatrice di piastrine e che aveva tutti gli esami ok, e quindi mi sono fidato della sua integrità; ora da almeno una settimana sto avvertendo degli stranissimi sintomi che non ho mai avuto in questa forma e che ahimè somigliano molto a quella fase acuta da contagio HIV: fastidi al collo fin dietro gli orecchi, una specie di febbre che va e viene, astenia, lieve cefalea, sintomi che non potrebbero essere una epatite B visto che sono vaccinato; sto vivendo nel terrore del futuro e anche di dover fare il test che naturalmente devo fare, pur mancandomi il coraggio.
Da parte vostra che suggerimenti avete da darmi a parte quello di recarmi al più presto a fare il test? Grazie
[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

il fatto che il suo partner fosse donatore di piastrine è già una sicurezza parziale, a meno che non abbia avuto nel frattempo un rapporto sessuale a rischio.

il rapporto orale attivo (bocca-pene) è a rischio di HIV ma soprattutto di altre malattie infettive contagiose, come la sifilide e la gonorrea.

I sintomi da lei riferiti non sono in correlazione con l'HIV.
Si consulti con il suo medico curante per valutare l'opportunità di un test sierologico per la sifilide e per l'epatite C.

Per maggiori info:
AIDS: come misurare il rischio
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=29
AIDS e dintorni: le malattie a trasmissione sessuale
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=38
La vera storia dell'AIDS
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=17

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Dottore La ringrazio moltissimo della risposta e della rassicurazione, aggiungo che la situazione ancora non mi tranquillizza anzi mi sta facendo scoppiare la testa, perchè in questi ultimi 2 giorni si sono aggiunte nausee, lievi dolori articolari al ginocchio dx, malessere e stanchezza muscolare, qualche dolore nella zona dx e sx dell'addome e lievi pruriti generalizzati. Personalmente dubito che possa trattarsi di sifilide non avendo visto in alcun modo in quelli che sarebbero potuti essere i punti di contatto il noto sifiloma; ma solamente una piccolissima "crosticina" ai margini del labbro inferiore che è subito caduta dopo un paio di giorni, inoltre la persona con cui ho avuto il rapporto mi avrebbe assicurato e garantito che i suoi test della donazione fatta ai primi mesi di dicembre sono tutti assolutamente negativi, riconfermandomi di non avere avuto incontri prima del nostro da circa un anno.
Entro la settimana andrò dal medico per effettuare comunque i test HIV e quelli che si riterrà più opportuno effettuare per avere risposte definitive e spero tranquillizzanti.
Saluti
[#3] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Aggiungo che probabilmente per disguido questo quesito sia stato inserito tra quelli di medicina preventiva quando credevo di averlo inserito tra quelli di malattie infettive.
[#4] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
anche l'area di Igiene si occupa di malattie infettive
[#5] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Posso chiedere a quali possibili altre malattie potrebbero corrispondere i sintomi da me descritti?
Grazie
[#6] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
se si escludono sifilide e gonorrea a localizzazione orale, l'epatite C
[#7] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Dottore la ringrazio moltissimo, comunque premesso che avrò la certezza solo quando avrò fatto i test, ho ricontattato la persona con cui ho avuto quella specie di rapporto e
mi ha garantito al 1000% che i suoi test alla donazione di dicembre sono tutti (inclusi epatiti A B e C e Anti Tp) assolutamente negativi, ora a meno che questa persona
menta spudoratamente per qualsiasi motivo (non credo ormai di potergli fare il 3° grado), e potendomi essere contagiato eventualmente solo da lei non avendo avuto altri rapporti; non so proprio cosa altro possano rappresentare questi sintomi che ancora non terminano.
Saluti.
[#8] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Allora ho fatto i tests infettivologici da malattie sessuali trasmissibili (HIV, epatiti e AntiTP allo Spallanzani di Roma) e sono tutti risultati (per fortuna!) negativi, e mi è stato inoltre detto che sono definitivi e quindi senza necessità di ripeterli; però ora che i sintomi sono ancora lì, oggi andrò dal mio medico per chiedere cosa altro potrebbe essere: potrei chiedere anche a voi a quale tipo ti malattia potrebbero fare riferimento? Ve lo chiedo anche perchè al mio medico potrei dimenticare di dirne qualcuno, dato che oltre a quelli che dicevo all'inizio si sono aggiunti talvolta bruciori agli occhi, e più spesso conati di vomito e dolori articolari e muscolari sia a livello toracico e addominale che agli arti inferiori. Vi sarei grato se poteste darmi delle indicazioni anche per il tipo di ricerche da fare.
Grazie
[#9] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
benone per i tests negativi

per la diagnosi eventuale relativa ai suoi disturbi e per eventuali esami da fare non posso aiutarla, in quanto sarebbero indispensabili una anamnesi accurata ed una visita.

buona giornata
[#10] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Una ultima domanda: i test HIV Abbott di 4^ generazione fatti a 70 gg dall'eventuale contagio e risultati negativi, possono ritenersi definitivi a tutti gli effetti come mi è stato riferito, senza necessità di ripeterli a 90 gg e/o 180gg? Grazie
[#11] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
un test a 70 giorni dà una sicurezza assai vicina al 100%
ma per avere una sicurezza del 100% ci vuole il test a 90 giorni

non c'è bisogno di ripetere il test a 180 giorni
[#12] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Allora gli utlimi test effettuati dicono che sono positivo al Toxoplasma. Citomegalovirus e Epstein Barr; a questo punto quali sono le cure e le possibilità di guarigione, possibilmente totale? Posso essere di contagio per altre persone solo con strette di mano o baci sulle guance? Inoltre ripetere il test per l'HIV va bene farlo anche in altre strutture e anche dopo 90 gg? Grazie.
[#13] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
che vuol dire essere positivo a quelle tre malattie, che probabilmente le ha contratte in passato ma si è immunizzato
se così fosse, non è malato, non deve sottoporsi ad a luna terapia e non è contagioso

ma per essere più preciso occorre sapere nel dettaglio il risultato dei tests

il test HIV a 90 giorni può farlo anche in un posto diverso dai primi due
[#14] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Allora i risultati sono i seguenti:
Toxoplasma
IgG presenti 35,9 - IgM Assenti 3,0

Citomegalovirus
IgG presenti 2,1 - IgM Assenti 8,0

Epstein Barr
IgG anti VCA presenti 162 - IgM anti VCA assenti 10,0
IgG anti EBNA presenti 90,2

Grazie
[#15] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
non è malato, ha avuto quelle malattie, ora è immune, non è contagioso
e nessuna terapia necessaria
[#16] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Quindi i sintomi che accuso non possono essere messi in relazione a questi esami, e nemmeno i test possono essere messi in relazione al rapporto di cui parlavo all'inizio?
Grazie
[#17] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
sì, è proprio così
[#18] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Chiedo scusa, ma allora riepilogando io a causa di ben determinati sintomi netti e concomitanti, avuti (credo!) dopo una sorta di rapporto incompleto e che non mi fanno star bene, ho fatto tutta una serie di esami su indicazione di un infettivologo, per capire da cosa potessero dipendere, ora che tre esami su quattro sono in parte positivi, non è detto che siano riferibili ai sintomi causa di tutto; ma allora io come faccio a capire cosa devo fare o se e come devo curarmi per far passare questa "sindrome" sconosciuta? Come si dice sono "a punto e da capo"... Secondo Lei cosa dovrei fare: continuare a fare esami per capire cosa ho o tenermi i sintomi ed aspettare che passino da soli?
La ringrazio
[#19] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
in un consulto online, senza un'accurata anamnesi ed una visita, non si possono dare consigli

ho risposto al suo quesito, di più non posso fare