Utente 530XXX
Buongiorno,mi recavo in p.s. In seguito ad una crisi di TPSV di cui soffro da tanti anni e che mi è stata più volte monitorata e diagnosticata come non pericolosa ma senza dubbio fastidiosa.La crisi è cessata spontaneamente mentre mi stavano monitorando ma nel frattempo fatto il prelievo di prassi per i controlli dei valori mi è stato poi riferito che si è rilevata troponina I 0,222 ug/L e quindi ricoverato per ulteriori accertamenti.Sono ora in attesa di fare un ecocardiogramma al dipiridamolo che farò tra qualche giorno.In passato,a parte le volte in cui le crisi recedevano spontaneamente,le volte in cui mi sono rivolto al p.s.non si era mai rilevata troponina. Premetto che i valori di colesterolo, pressione ecc.sono tutti nella norma,e che non ho nessuna familiarità di coronaropatie,
Ho 49 anni normopeso non fumo da 14 anni .
Non so capire se la quantità di troponina è minima o importante e se mi devo preoccupare,anzi lo sono già.
Inoltre,devo presumere che in casi futuri di episodi di TPSV mi si prospetti tutta la trafila di indagini ed esami ancora in ospedale ?
Ho dimenticato di dire che questa volta la crisi di TPSV è durata circa 3 ore.
Ringrazio anticipatamente per la risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Quando gli episodi di TPSV si fanno così così frequenti è opportuno programmare una ablazione trans catetere.
Per ciò che concerna il modesto rialzo della troponina questo non ha alcun valore dopo un episodio di aritmia come lei ha presentato.
Cordialità
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 530XXX

Iscritto dal 2008
Ringrazio molto per la rassicurazione e la celerità nella risposta.
Tengo a precisare che la frequenza degli episodi di TPSV è in 35 anni,di circa un episodio all'anno o anche due,e che ho un pò di timore nell'affrontare l'intervento di ablazione anche per la recidive di cui sento parlare.Dovesse diventare poco sopportabile la situazione o pericolosa per le coronarie affronterò seriamente la questione.
Grazie ancora