Utente 170XXX
Salve
scrivo dalla sicilia volevo gentilmente un aiuto,su un problema che da tempo mi
affligge tempo fa mi e stata diagnosticata prostatite cronica e azospermia,
curata con una miriade di farmaci ma con risultati scarsi,
i fastidi si sono in parte attenuati, per una diecina di anni abbiamo poi praticato la inseminazione artificiale metodo x per tre volte ma senza risultati.
adesso da un paio di mesi si ripresentano i fastidi della prostatite con nuovi problemi diminuizione del gettito urinario problemi a mantenere l'erezione
ho rifatto una visita urologica nuovi farmaci ma senza un miglioramento voi sapreste darmi qualche consiglio grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Purtroppo la prostatite cronica è una delle condizioni più fastidiose che possano occorrere (senza entrare nel merito delle possibili complicanze che Lei ha purtroppo sperimentato!). Il nome "cronica" indica che i sintomi possono riaffacciarsi in diverse fasi della vita. La cosa migliore da fare è riallacciare i contatti con il Suo urologo curante o trovarne un altro per effettuare una batteria di esami diagnostici importanti per indirizzare la terapia. Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 170XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la sua risposta DR CONTI
mi chiedevo come mai antibiotici supposte integratori come permixon non anno alcun effetto sulla mia persona ho cambiato urologo per un rinomato andrologo perche il primo era andato nel pallone ed anche quest'ultimo non e in grado di dare risposte a questa infiammazione dopo varie ecografie esmi si riscontra l'enterococco ma e incurabile?
grazie per la sua risposta.
gentilissimo
[#3] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
L'enterococco non e' incurabile ma la prostata puo essere sede di processi infiammatori cronici con zone in cui gli antibiotici arrivano poco. Questa e' una difficolta' nota con cui i medici e i ps spesso si devono confrontare. Non disperi e ricordi che cicli di terapia antibiotica debbono essere spesso ribaditi. Cordiali saluti