Utente 235XXX
Salve, alcuni mesi fa ad una visita mi hanno fatto l'elettrocardiogramma di routine e mi hanno trovato un sospetto di Sindrome di Brugada. Non ho mai avuto sintomi ne storia di famigliarità con problemi al cuore o morti improvvise.Ho fatto il test farmacologico ed è risultato positivo. Ho fatto anche un'elettrocardiogramma ad alta risoluzione ed un'ecografia al cuore.Il cardiologo mi ha detto che nel mio caso il rishio di aritmie gravi è basso. Mi ha dato la lista di medicinali da evitare e basta. Mi ha detto che posso anche fare sport, basta che non sia a livello agonistico. Io faccio nuoto e ciclismo. Ultimamente ho delle extrasistoli che mi fanno paura.Di solito quando sono a riposo, a volte dopo mangiato. So che le extrasistoli di per se non sono gravi, ma visto la mia condizione,potrebbero creare problemi? Vorrei consultare qualcuno specializzato in questa Sindrome ma non so a chi rivolgermi.Grazie dell'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

La stratificazione del rischio aritmico in un paziente con pattern elettrocardiografico tipo Brugada e test alla flecainide positivo è estremamente importante. L'assenza di familiarità per morte improvvisa e/o di episodi sincopali in anamnesi rende nel suo caso il rischio basso, come correttamente Le ha indicato il collega cardiologo che l'ha valutata.

Le consiglio per identificare la tipologia e la morfologia delle extrasistoli, e quindi capirne l'eventuale pericolosità, un monitoraggio ECG Holter 24h che porterà in visione al Suo cardiologo di fiducia.

Uno dei centri di riferimento nazionale per la Cardiologia Molecolare è il Policlinico di Pavia, anche se oggi i protocolli di diagnosi e cura sono uniformemente adottati su tutto il territorio nazionale dagli ospedali dotati di Reparti di Cardiologia.