Utente 233XXX
Buon giorno!

Sintomi:

Forte gonfiore addominale e continue eruttazioni,dovute a difficoltà digestive.
Stipsi:non regolarità nella defecazioni che risultano difficili, come se ci fosse una strozzatura,ed è preceduta da sflatulenze. Le feci,se molli,risultano di sezione molto ridotta.
Forte sensazione di stress e di incapacità al rilassamento, difficoltà di concentrazione.
Psoriasi al cuoio capelluto.
Emorroidi.

Tutti questi sintomi continuano a tormentarmi da più di due anni iniziando a procurami anche problemi d'ansia.
Da circa 4 mesi ho smesso di praticare attività fisica,corsa amatoriali ecc, e da allora la situazione è notevolmente migliorata.Il gonfiore addominale è praticamente sparito.
Tuttora quando svolgo attività fisica ,anche minima, percepisco un aumento dei sintomi principalmente la sensazione di stress che si manifesta anche ore dopo l'attività fisica.

Il mio medico curante mi ha fatto fare i seguenti esami:

Allergie alimentari:sono allergico a farina di patate,segale,mais...Ma eliminando questi alimenti i sintomi persistono.
Spirometria:in quanto all'inizio avvertivo come un senso di soffocamento..L'esame pratico non è riuscito correttamente per due volte,perché dal test sarei risultato un forte asmatico.
Analisi del sangue e HIV:nessun valore fuori dal normale.
Collonscopia:Mi sono stati asportati due piccoli polipi, ma non erano ala causa dei miei sintomi, per il resto tutto normale.

Avrei bisogno di buoni consigli su ulteriori accertamenti medici da fare.

Grazie!!


[#1] dopo  
Dr.ssa Provvidenza Fodale
24% attività
0% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
La negatività dell'esame endoscopico certamente è un buon dato. Prima di proseguire negli accertamenti, credo che la prima iniziativa da intraprendere sia adeguarsi ad un regime dietetico mirato per le problematiche che Lei espone, cioè non solo con esclusione dei cibi a cui lei risulta allergico, ma che tenda a normalizzare i problemi digestivi ed il transito intestinale. Potrebbe essere utile anche l'uso di procinetici , o ancora di farmaci mirati ad interrompere il circuito ansia - somatizzazione. Si faccia visitare da un internista, che possa individuare quanto nella Sua sintomatologia sia da ricercarsi in una causa organica o funzionale.