Login | Registrati | Recupera password
0/0

Sangue nelle feci con perdita di peso

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012

    Sangue nelle feci con perdita di peso

    Buongiorno sono un ragazzo di 27 anni alto 1.90 che pesa 84 kg da circa 8 mesi ormai ho un problema di sangue nelle feci, il sangue è rosso vivo e si presenta dopo una defecazione difficoltosa (feci dure) ma ormai si presenta sempre piu spesso, e a gocce. Sono stato da 3 diversi specialisti i quali (contraddicendosi sulle cure date) hanno comunque concordato sul fatto che non fosse nulla di grave e fosse solo un taglietto che fatica a riemarginarsi. L'ultima visita è stata fatta con sonda da cui il medico vedeva le immagini. Tutti mi hanno dato una crema lenitiva e bustine solubili (degli specie di integratori). Ho cominciato a mangiare bene, piu verdure e meno alcool ma il problema persiste e io comincio seriamente a preoccuparmi anche del fatto che nessun medico prende seriamente la situazione. Altro sintomo che mi preoccupa non poco è la perdita di quasi 10 kg in meno di un anno con assenza totale di sport. Ma magari questo è dato dal trasferimento in un altro Paese.
    Spero che almeno voi possiate aiutarmi!



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 3641 Medico specialista in: Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Chirurgia generale

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2008
    Dovrebbe darci qualche informazione in più. E' stato visitato dal proctologo o gastroenterologo e che tipo di esame con sonda ha fatto ? Rettoscopia, colonscopia e qual'è il referto ? Hanno parlato di ragade ?

    Grazie



    Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, H San Giuseppe - MI www.endoscopiadigestiva.it
    CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Innanzitutto compliemnti per l'efficenza e poi chiedo scusa per la poca precisione ma esattamente non ricordo il nome dei vari esami comunque sicuramente i primi due medici erano proctologi
    Il terzo invece che non posso confermare di che natura fosse la visita è l'unico che ha fatto un esame con sonda. Il primo medico (ancora 7 mesi fa) aveva appunto accennato (accennato nel senso vero della parola!!) ad una ragade non guarita, mentre l'ultimo parlava di un semplice taglio che fatica a rimarginarsi,
    ieri comunque continuando la ricerca su internet ho appunto trovato molte somiglianze con i miei sintomi leggendo delle ragadi. Infatti il primo medico mi aveva dato un dilatatore meccanico e gli altri delle pomate lenitive. (che tuttora uso) ma nessuno di questi ha mai fatto un effetto duraturo, al massimo il dolore mi dava sollievo per un paio di settimane.
    Ora sto seriamente pensando all'intervento ma quello che mi domando è: possibile che nessuno di questi tre specialisti abbia capito che era una cosa un po piu da curare di un semplice taglietto?
    E vorrei capire se la perdita di peso è legata a questo, perchè alle volte non so piu cosa mangiare, so che dovrei diminuire carboidrati e fare piu sport ma vorrei evitare di dimagrire ancora!



  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 3641 Medico specialista in: Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Chirurgia generale

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2008
    Gentilissimo,

    da quanto descrive si tratta di una ragade per cui deve affidarsi ad un proctologo per decidere la strategia più opportuna per la guarigione della lesione (che potrebbe essere anche chirurgica se la terapia conservativa non ha avuto effetto). Il dimagramento potrebbe anche essere legato in modo indiretto alla patologia anale (paura di alimentarsi per il dolore da defecazione), ma è un'ipotesi.

    Cordialmente


    Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, H San Giuseppe - MI www.endoscopiadigestiva.it
    CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.

  5. #5
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    La ringrazio molto!
    Mi ha sicuramente tranquillizzato.
    Internet spesso aiuta come talvolta aiuta anche a preoccuparsi di più del normale.

    Appena rincaserò nella bella Italia mi affiderò ad un altro proctologo, con un po piu di decisione questa volta! :)

    Grazie ancora



  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 3641 Medico specialista in: Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Chirurgia generale

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2008
    Molto bene. Buon rientro e ci aggiorni.


    saluti





    Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, H San Giuseppe - MI www.endoscopiadigestiva.it
    CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.


Discussioni Simili

  1. La ragade può manifestarsi allo stesso modo
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 02/01/2012, 13:04
  2. Alimentazione per cura ragadi anali
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23/01/2012, 13:24
  3. Macchie di sangue
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 30/01/2012, 14:46
  4. Herpes zoster
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 17/12/2011, 11:19
  5. Gonfiore dopo assunzione fibre solubili
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 19/02/2012, 12:05
ultima modifica:  13/08/2014 - 0,08        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896