Utente 234XXX
Salve dottori,

ho 19 anni e credo proprio di essere affetto da fimosi serrata. Infatti, al più presto, andrò a farmi visitare da un andrologo. Vorrei domandarvi in cosa consiste la visita da un andrologo, anche per temperare in qualche maniera un po' di paura mista a vergogna. Non so nemmeno se sia affetto da fimosi, perchè non ho mai provato nemmeno a scappellarlo, nè in stato flaccido nè in stato eretto, per paura di farmi male (ci ho provato ma alla minima resistenza mi fermo per paura di farmi male). Ho anche vergogna a descrivere i miei sintomi all'andrologo, perchè ho paura possa pensare che non tenga alla mia igiene intima (non mi sono mai lavato il glande al suo interno), ma non l'ho fatto per una questione di sporcizia. Ci ho provato mille volte, ma non ci riesco proprio. Inoltre, me ne sono accorto solo ora navigando su internet che posso essere affetto da fimosi (non ho ancora avuto rapporti sessuali di alcun tipo), perchè non ho mai avuto alcun tipo di problema ad urinare o nell'erezione e pensavo fosse normale se uno non avesse mai avuto rapporti coitali. Da quando, a 12 anni, ho scoperto il piacere dell'autoerotismo, non mi sono mai masturbato nel modo "canonico", ma da dentro le mutande (così è successo la prima volta e ho continuato finora). All'età di 11 anni sono andato dal pediatra, che me l'ha controllato dicendo che non vi era alcuna patologia. Può essere che la fimosi sia entrata in seguito? Ovviamente, vi scrivo non per avere una diagnosi, giustamente non potete immaginare la situazione di presenza. Vorrei solo cortesemente sapere in cosa consiste la visita da un andrologo e se davvero posso raccontargli tutto senza incorrere in brutte figure. Credo potrebbe anche essere frenulo corto, perchè quando ho provato a scappellarlo poco poco il frenulo mi è sembrato molto sottile, quasi come un filo di nylon e corto, ma, ripeto, non lo so perchè alla prima resistenza non ho mai provato ad andare avanti. Ho paura di un eventuale intervento chirurgico, che comporterebbe un inizio nuovo, dato che dovrei scoprire come stimolare il mio membro nella sua nuova forma. Il fatto che il glande non sia mai uscito fuori dal prepuzio, ha potuto impedire il corretto sviluppo? Un pene col glande coperto o scoperto ha eguali dimensioni? Grazie in anticipo, distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Caro giovane, le Sue molte paure sono ingiustificate. Il pene con o senza prepuzio è uguale come sviluppo e dimensioni e il frenulo non condiziona la crescita dell'organo. Ritengo che i Suoi timori possano essere alleviati solo da una visita andrologica che le chiarirà questi e altri dubbi e la motiverà a effettuare la circoncisione che - almeno stando alla Sua descrizione - appare necessaria. Cordiali saluti e incoraggiamenti
[#2] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la celerità della sua risposta, caro dottor Conti. Credo che prenoterò la visita per la prossima settimana. Nel caso il mio andrologo di fiducia decida che sia opportuno un intervento di circoncisione, in che periodo consiglierebbe di operarmi? Il post-intervento è molto doloroso? Permette di svolgere la vita di tutti i giorni, andare all'università, in palestra o preclude un totale riposo? Quali sono i tempi di recupero? Grazie infinite, distinti saluti.
[#3] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Stia tranquillo. Nel caso sia confermata l'indicazione all'intervento, gli effetti sulla Sua vita di tutti i giorni si limitano a qualche giorno di astensione dalle attività più impegnative. La cosa più antipatica è la presenza dei punti di sutura che possono arrecare qualche fastidio, peraltro moderabile con apposite creme leniotive. Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la sua disponibilità, dottor Conti. Un'ultima curiosità: dopo quanto tempo terminano in media i fastidi di ipersensibilità del glande e si può riprendere una costante attività sessuale? Grazie di tutto, cordialità.