Utente 235XXX
sono un uomo di 39 anni peso circa 82 chili e sono alto 1,70.
Il mese scorso sono andato al pronto soccorso perchè accusavo un dolore nella parte alta del torace, dolore che mi opprimeva, mi hanno fatto l'elettrocardiogramma gli enzimi ripetuti due volte ed un ecocardio, risultato tutto nella norma. In tutto il mese tra dicembre e gennaio ho continuato ad avere sempre dolori e qualche volta estesi anche al braccio sinistro, il dolore è sempre nella stessa zona incomincia con un bruciore per poi diventare un dolore opprimente. A distanza di quasi un mese ieri sono andato nuovamente in pronto soccorso perchè il dolore si è rifatto sentire un pò più forte, stessa procedura enzimi ecg ed eco tutti negativi. Intanto ho fatto anche un rx toracico risultato negativo. Ho notato che se faccio una corsetta sul posto per circa 4 minuti averto un fastidio/bruciore iniziale che poi si trasforma in dolore al torace i battiti salgono a circa 120/min, ed in fase di rilassamento quando i battiti diminuiscono sento qualche aritmia. Da riposo non avverto nessun dolore, ma normalmente la mattina dopo qualche ora dal risveglio il dolore si fà risentire. Ho prenotato anche un holter cardiaco nelle 24 ore. Vorrei sapere poichè non ho colesterolo alto se sono a rischio magari dovuto a qualche coagulo....nel mio caso prendere un' aspirina normale da 500mg potrebbe aiutarmi a rendere più fluido il sangue intanto che aspetto di fare l'holter? So che dovrei fare anche una prova da sforzo, ma ho un pò paura. Che iter potete consigliarmi visto che incomincio ad essere confuso sul dafarsi? Grazie in anticipo per il servizio che offrite a quelli che come me non saprebbero cosa fare.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
il tipo di dolore avvertito , non è detto che abbia necessariamente origine cardiaca ed in tal senso il test da sforzo è insostituibile. Utile una valutazione ortopedica per una eventuale patolocia similartralgica. Inutile e anzi potrebbe risultare nociva una terapia antiaggregante.
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei deve solo eseguire una prova da sforzo massimale al cicloergometro o al tappeto ruotante, per escludere che siano dolori cardiaci, specie se avesse familiarita' per ictus ed infarti o peggio fosse fumatore.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#3] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
Grazie infinite per le tempestive risposte.
L'holter nelle 24 ore prima della prova da sforzo è quindi inutile?
La familiarità c'è dalla parte di mia mamma che soffre di fibbrillazione atrio ventricolare, mio nonno e morto di infarto e quasi tutti i miei zii hanno problemi cardiaci.
Non fumo da circa sette anni.
Magari se prendo la cardio aspirina che ha un princio di 100mg mi potrebbe aiutare, ed in tal caso quando dovrei interromperla per non interferire /falsare l'holter delle 24 ore?
Scusate se vi faccio troppe domande, ma l'ansia mi stà logorando ed in attesa degli esami ho molta paura.
Grazie ancora
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L Holter puo' dire molto poco, mentre e'dirimente l' ECG sotto sforzo. Data la familiarita' e la sintomatologia piccole dosi di aspirina sono raccomandabili (ma gliele deve prescrivere il suo Medico e non certo io per via telematica...).
SI tranquillizzi.
arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#5] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
Grazie ancora per la velocissima risposta.
Nei prossimi giorni effettuero la prova da sforzo e chiederò al cardiologo se e in che misura prendere un anti aggregante.
Se posso ancora approfittare dei suoi utilissimi consigli, La contatterò dopo gli esami per avere un suo parere.
Grazie infinite
[#6] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
Gentilissimi Medici,
ho effettuato la prova da sforzo che è risultata negativa.
Per qualche mese ho risentito ancora del dolore toracico, così ho eseguito una visita gastroenterologa per probabile reflusso, ma dalla cura effettuata non sono emersi miglioramenti.
Il dolore persiste a fasi alterne, ed è opprimente.
Secondo voi per escludere problemi cardiaci(tipo angina instabile che mi preoccupano di più) quali esami o test dovrei eseguire?
Grazie