Login | Registrati | Recupera password
0/0

Post operazione emorroidi

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012

    Post operazione emorroidi

    Buongiorno,
    avrei bisogno di un vostro consulto per capire se la mia situazione è normale o devo preoccuparmi. Sono stato operato il gg 10-01-2012 di prolasso e di emorroidi di II grado con il metodo Longo. Mi avevano assicurato che il post-operatorio sarebbe stato del tutto indolore. La situazione in realtà è la seguente:
    - primi 2 giorni: con antidolorifici via endovena in ospedale tutto sommato i dolori erano sopportabili. Defecare il 2° giorno non è stato drammatico anche se il dopo ha richiesto una dose di antidolorifico ulteriore.
    - il terzo giorno sono stato dimesso e la situazione è stata drammatica: dolori forti e post defecata quasi da svenimento
    - il quarto giorno diciamo quasi come il terzo con dolorisempre acuti sedati con la tachipirina 1000 mg tre volte al giorno (ogni 8 ore)
    - oggi V giorno: stamane piccola perdita di sangue (molto piccola) in seguito ad emissione di aria e poche feci. Poche ore dopo normale attività intestinale con dolori molto ridotti post defecata rispetto ai giorni prima. In generale i dolori mi sembrano più accettabili e localizzati in un punto in particolare.
    Vorrei capire se questo quadro è normale o richiede degli approfondimenti in quanto i tempi di recupero millantati dalla tecnica Longo dovevano essere molto inferiori. Inoltre vorrei capire come mai la doccia bollente riesce ad attenuare e quasi ad azzerare i dolori più forti (così come i bagni tiepido/caldi con Amuchina) Posso farne quani ne voglio? Mi danno davvero un grosso sollievo. Grazie mille per la vostra disponibilità. A presto Civas 1975



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 548 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia
    Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

    Risponde dal
    2011
    Il dolore ed i problemi indicati sono possibili e non indicano complicazioni.Certamente può fare semicupi con acqua calda e usare ami china non vi sono controindicazioni. Non dimentichi idratazione e fibra per facilitare l'evacuazione.


    Dr. Roberto Rossi

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Buonasera Dott. Rossi,

    grazie mille per la sollecita risposta. Le riscrivo, oltre per ringraziarla, in tempo reale post defecata: ancora una volta piccole tracce di sangue, feci molto morbide per dieta da lei indicata in essere.
    Volevo chiederle: i dolori in questo momento sono abbastanza forti, sopportabili se sdraiato ma comunue forti. Questa situazione generale di dolori continui durante il giorno che aumentano con l'attività intestinale (regolare 2 volte al giorno) quanto durerà ancora? Quando potrò ritornare alla mia vita quotidiana? Sono un rappresentante per cui stare seduto per me è fondamentale e in questo momento sono confinto a letto quasi tutto il giorno. Mi sa dire in quanti giorni (oggi è il 5° post intervento) i dolori cesseranno?
    Grazie a presto
    Civas 1975



  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 548 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia
    Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

    Risponde dal
    2011
    Sicuramente ogni giorno la situazione tenderà a migliorare progressivamente. Comunque per qualche tempo assuma qualche antidolorifico che aiuterà i primi giorni post intervento.


    Dr. Roberto Rossi

  5. #5
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Buona sera,

    grazie per l'ulteriore chiarimento.
    Ad oggi la situazione è migliorata almeno in termini di dolori.
    Attualmente i problemi principali riscontrati sono:
    - defeco parecchie volte al giorno (in media 3 fino a 4 volte)
    - piccole perdite di sangue durante la defecata (piccole tracce di sangue rosso vivo fresco)
    - avverto post defecata un dolore simile a quello provocato dalle emorroidi (quando le avevo) piu' o meno la stessa sensazione e lo stesso dolore quando attendevo che rientrassero.
    - durante la defecata avverto come la sensazione delle emorroidi (come fosse un tappo che vuole uscire) che passa immediatamente dopo il semi cupi. Si tratta di emorroidi che non possono uscire o sono i muscoli?
    - faccio fatica a trattenere le feci: se devo defecare mi tocca farla subito!!!
    Mi spiace disturbare ma vorrei capire se è una situazione normale post intervento : ricordo che sono stato operato il 10-01.
    Grazie mille
    lci



  6. #6
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    ps. non ci sono tracce di emorroidi esterne o di altra natura: l'operazione sotto questo punto di vista è riuscita perfettamente.



  7. #7
    Indice di partecipazione al sito: 548 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia
    Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

    Risponde dal
    2011
    Nel tempo la situazione dovrebbe ulteriormente migliorare.Usi la fibra che aiuterà l'evacuazione.


    Dr. Roberto Rossi

  8. #8
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Buongiorno Dott. Rossi,

    a 16 gg dall'intervento, dopo un progressivo miglioramento, stamane dopo una regolare attività intestinale, facendo un semicupi ho notato una piccola protuberanza esterna. Con uno specchietto ho verificato e mi sembra pelle (tipo un piccolo prolassino), al tatto vuoto e non doloroso.
    In compenso il bruciore da quasi sparito e ritornato e ora è piuttosto fastidioso ma non vorrei che questo derivasse dall'uso della saugella medica che sto impiegando da 3 giorni (1 o 2 semicupi al giorno in base all'attività intestinale).
    Sto regolarmente facendo ancora la dieta a base di fibre e uso tuttora lo psyllogel. Ho contattato il mio chirurgo che in maniera sbrigativa mi ha detto di non preoccuarmi ma mi risulta piuttosto difficile non farlo vista la situazione perggiorata all'improvviso. Cosa ne pensa?
    Cordiali saluti
    lci



  9. #9
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    volevo aggiungere un dettaglio: il bruciore è in prossimità del buco anale (non in profondità come all'inizio) ed è misto a prurito che pensavo fosse un buon segnale di guarigione. Da quel che ho letto però in atri interventi su questo sito, potrebbe essere un segnale negativo.
    saluti



  10. #10
    Indice di partecipazione al sito: 548 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia
    Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

    Risponde dal
    2011
    Non dovrebbe essere nulla di preoccupante pero come potrà ben capire solo una visita potrebbe essere esaustiva


    Dr. Roberto Rossi

  11. #11
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Grazie dottore per la sua disponibilità.
    Ho seguito la sua indicazioni facendomi vedere dal medico generico (sabato ho il controllo con il chirurgo che mi ha operato). Il medico mi ha detto di non preoccuparmi, si tratta di pelle/tessuto non di emorride.
    I miei dubbi restano perchè oggi al tatto mi sembra un po' più grande e soprattuttp è l'unico punto che brucia (per il resto l'ano è del tutto a posto). Oggi nessun sanguinamento defecando. Il medico mi ha detto di mettere una pomata Emorril per qualche giorno ..... la metto solo esterna o con la canula la mettp anche interna? Sono un po' gu' vista le difficolta post intervento: non so se fidarmi e ansare che si risolverà oppure rassegnarmi al fatto che il problema non è risolto. Anche perchè fino a ieri tutto stava migliorando progressivamente: da quando ieri mattina è uscita questa escrescenza sono cominciati i pruriti e i bruciari piuttosto intensi (come se fosse una ferita aperta). Riesco a sedermi ma non sono tranquillo. Un consiglio?? grazie per la sua pazienza e disponibilità
    un paziente impaurito



  12. #12
    Indice di partecipazione al sito: 548 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia
    Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

    Risponde dal
    2011
    Deve avere pazienza perché si stabilizzino i processi di consolidamento delle sedi di intervento.


    Dr. Roberto Rossi

  13. #13
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Buonsare dottore e colleghi,
    Grazie per le risposte. Ho letto nel forum diverse richieste alcune simili alle mie. Avrei bisogno di un vostro parere un pochino più' chiaro e approfondito sui problemi post intervento con metoso longo. Ad oggi sono passati 19 gg e la situazione e' questa:
    I defeco regoalre 2 volte al giorno con assenza quasi totale di dolori
    I e' presente sanguinamento molto blando fino a ieri (ho battezzato mnia figlia e al rinfresco ho fatto qualche bicchiere di vino. Oggi defecando ho riscontrato molto più' sangue in entrambe le sedute. Sia fresco che sulle feci. Il vino puo' aver influito?)
    I ho un rigonfiamento esterno che assomiglia molto ad un prolasso di dimensioni ridotte. E' presente da 4 giorno e fino a ieri bruciava e prudeva. Ora sto mettendo emorril come suggerito dal medico curante ed effettivamente prurito e dolori sono spariti. E' solo fastidioso perche ne avverto la presenza e ho il terrore che si tratta nuovamewnte do emorroidi.
    Seguo ancora la dieta a base di fibre con psyllogel e bevo molta acqua.
    Secondo il vostro parere di cosa si tratta questo rigonfiamento? Devo tenerlo per sdempre? Se cosi fosse qual'e' l utilita' dell intervento fatto?
    Ho chiesto spesso il vostro aiuto perche' come tutti gli utenti che si sottopongono ad intervento si fidano del chirurgo e poi una volta dimessi, salvo per i 2 conrrolli restano con i loro problemi. Solo voi date un vero aiuto. Premetto che il medico curante che mi ha prescritto emorril dice che questo rigonfiamento nn e' un emmorroide ma poarla di pelle. Unico dolore che sento e' al tatto durante il semicupi: se lo tocco fa leggermente male. E' grande come un tic tac. In attesa di un vostero riscontro. Graxie
    Ps un grazie speciale al dott rossi che mi sta sopportando e cerca di aiutarmi ... Vorrei solo una spiegazione dottore ... Se deve sbilanciarsi lo faccia anche se mi rendo conto che nn vedendomi sara' difficile ... Mi affido alla sua e alla vostra sensibilita' di esperti. Saluto lci



  14. #14
    Indice di partecipazione al sito: 548 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia
    Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

    Risponde dal
    2011
    Come saprà non esiste una procedura infallibile e senza complicanze nell'intervento di emorroidectomia.Ragione per cui sono stati proposti diversi tipi di operazione tra cui la mucopessia emorroidaria o intervento di Longo. Ora in questa tecnica la rimozione del plesso emorroidario interno non sempre è completa ma possono rimanere isolati vasi emorroidari che causano il riferito sanguinamento. Ribadisco però che si saprà qualcosa di definitivo tra qualche mese,solo allora saà possibile capire se il risultato potra essere considerato ottimo,buono,sufficiente....


    Dr. Roberto Rossi

  15. #15
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Le rispondoi in tempo reale .....
    il sanguinamento è finito stamane nessuna traccia. Ora mi trovo al lavoro e stare seduto genera purtroppo un po' di bruciore. Dalle sue parole devo quindi dedurre che si tratta proprio di una emorroide questo rigonfiamento che mi è uscito. Però non posso pensare di stare con questo problema per dei mesi: stavo meglio prima quando defecavo solo la sera prima di andare a dormire e le emorroidi uscivano solo in quel caso rientrando spontaneamente durante il sonno. Deduco che la scelta di risolvere il problema non è stata la migliore e che ci devo convivere???? Non ho parole ........



  16. #16
    Indice di partecipazione al sito: 548 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia
    Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

    Risponde dal
    2011
    Mi spiace maq forse non mi sono espresso correttamente.IO non so se la piccola protrusione sia una emorroide o meno è ovvio che solo una visita potrebbe chiarirlo.Mi pare però che rispetto a prima dell'intervento il problema si sia molto ridotto.


    Dr. Roberto Rossi

Discussioni Simili

  1. Possono essere emorroidi
    in Colonproctologia
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 16/01/2012, 21:04
  2. Emorroidi di 2° grado
    in Colonproctologia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 20/01/2012, 19:15
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24/01/2012, 21:44
  4. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 27/01/2012, 17:13
  5. Curare le emorroidi
    in Colonproctologia
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 29/01/2012, 13:42
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,31        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896