Utente 209XXX
Buona giornata a tutti, Volevo chiedere un chiarimento su una mia abitudine.
Sono un chitarrista e circa un anno fa ho sofferto credo di tendinite, all'avambraccio. Adesso ho ripreso a suonare da 3 o 4 mesi ormai e ogni tanto qualche dolorino lo avverto ma ormai ci ho fatto l'abitudine.
Io ho l'abitudine che se posso, appena smetto di suonare mi faccio 10 minuti di ghiaccio su avambraccio gomito e polso.
Questa cosa può essere giusta o è meglio smettere perchè non è benevola per i miei tendini?

Grazie a tutti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

presumo si tratti di una epicondilite (zona del gomito).

L'uso del ghiaccio a seguito della comparsa del dolore svolge un'azione temporanea di tipo antiinfiammatorio locale e quindi anche antidolorifico, senza modificare sostanzialmente l'evoluzione della patologia, cosa per la quale invece assume più importanza il riposo funzionale.

Occorrerebbe però fare una diagnosi più precisa e, magari, impostare una terapia più razionale, che potrebbe anche risolvere definitivamente il suo problema.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 209XXX

Iscritto dal 2011
Salve, la ringrazio, comunque per il fatto dei dolorini non sono localizzati al gomito, solo in alcuni casi e sono quasi impercettibili....non mi impediscono di fare niente....inoltre il fatto dello stop è un pò un problema visto che questo mese sono pieno di serate ecc... comunque da 3 mesi a questa parte non ho visto peggioramenti il che (non che voglia mettere in discussione la sua teoria, ci mancherebbe, lei è un professionista), però magari potrebbero essere dei residui di leggeri sforzi oppure della stessa tendinite passata...anche se il gomito non lo comprendeva?
comunque ultimamente ho utilizzato dei polsini per suonare e subito dopo aver smesso 10 minuti di ghiaccio, ha funzionato alla grande....se arriverò ad avere degli impedimenti certamente non esiterò a rivolgermi a chi di dovere.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Continuo però a non capire quele è l'esatta sede del suo dolore.

Buona giornata.
[#4] dopo  
Utente 209XXX

Iscritto dal 2011
Il leggero fastidio (più che dolore li chiamerei fastidi), non è diciamo localizzato in un punto preciso, ma ad esempio ogni tanto il gomito lo prende però, la parte dove c'è l'ossicino che spunta verso l'interno, lateralmente (mi scusi l'espressioni ma penso di spiegarmi meglio così), e ogni tanto qua e la per l'avambraccio, ma solitamente non arriva mai ad essere dolore solo che ogni tanto sento un leggero fastidio come una specie di noia che passa nel giro di qualche ora ogni volta che mi sveglio sono come nuovo ad esempio...inoltre ho fatto caso (sarà stata una coincidenza?) al fatto che se stò magari 2,3 giorni senza suonare il fastidio è più probabile che torni.
L'altro giorno avevo questo leggero fastidio al'avambraccio e ignorandolo sono andato a fare le prove, quando sono tornato era sparito....
Comunque non è diciamo costante è una cosa che va e viene....
Con l'uso dei polsini e ghiaccio comunque riesco a suonare tranquillamente, consiglia altre precauzioni?
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

la zona che lei indica è proprio l'epicondilo, per cui la mia ipotesi iniziale di una possibile epicondilite (che può irradiarsi anche verso il polso o verso l'alto, e va comunque confermata da una visita specialistaca), è tuttaltro che "campata in aria".

Le "altre precauzioni" sono in funzione di una conferma di questa mia ipotesi diagnostica.

Se ciò fosse confermato, potrebbe fare terapie antiinfiammatorie locali (gocce, gel, schiuma) o fisiche (TENS, ultrasuoni, laser, Tecar, onde d'urto), fino a una infiltazione di steroidi o di farmaci omeopatici, se il fastidio dovesse aumentare o persistere nel tempo.

Buona giornata.