Utente 147XXX
Salve, da circa un anno soffro di episodi ricorrenti di tachicardia ed extrasistole che negli ultimi mesi sono notevolmente peggiorati facendomi preoccupare, costringendomi anche a lasciare l'attività sportiva, mi sono rivolta ad un cardiologo che ha effettuato ecg ed ecocardiogramma con risultati:
pressione arteriosa 105/70, ritmo sinusale a frequenza di 84', posizione elettrica intermedia
normali dimensioni intracavitarie del ventricolo sinistro con buona cinetica zonale e globale, atrio sinistro di dimensioni normali, lieve sbandamento del setto interatriale, aorta: bulbo di normali dimensioni, lembi valvolari con buona escursione sistolica.
Mitrale: normale escursione diastolica dei lembi.
Nella norma le dimensioni e la morfologia delle camere destre.
I sintomi sono di palpitazione, vuoto d'aria nel petto, vertigini, senso di costrizione e dolore a lato sinistro ed affanno in particolare durante sforzi fisici.
Il cardiologo ha detto che secondo lui dipende dall'ansia, ed in effetti soffro di un disturbo d'ansia generalizzata, da circa un mese prendo lexotan 5 gocce tre volte al giorno ma non ho avuto nessun miglioramento.
Ci sono altri accertamenti che potrei fare per capire le cause di questi fastidi e se si quali?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

il monitoraggio ECG sec. Holter 24H potrebbe essere utile per identificare il numero e la tipologia di attività extrasistolica e per correlare l'eventuale aritmia alla sintomatologia riferita.
[#2] dopo  
Utente 147XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille per la velocità con cui ha risposto, cercherò di sottopormi quanto prima a questo esame.