Utente 479XXX
Gentili Medici,
essendo da due anni circa in menopausa e avendo notato da alcuni mesi un certo rialzo pressorio (pressione mediamente nella norma “alta”, ma con frequenti misurazioni sui 140/95 mmHg), unitamente a blandi disturbi scarsamente specifici, mi sono sottoposta a visita cardiologica con ECG, e questo è il responso:
“La paziente avverte da qualche tempo, specie a riposo, sensazione di cardiopalmo ritmico con rare extrasist. Non fuma, fa vita sedentaria. I recenti esami ematochimici sono normali, compreso assetto lipidico; rari episodi di toracoalgia, verosimilmente di natura somatica. Respiro libero su tutto l’ambito. Area cardiaca nei limiti; toni cardiaci ritmici, non apprezzabili soffi di rilievo. PA 130/90. ECG: ritmo sinusale, FC 76; lievi atipie della ripolarizzazione in sede laterale. Commento: il periodo del climaterio è caratterizzato da numerose manifestazioni cardiovascolari, di norma di tipo funzionale, come i disturbi lamentati dalla paziente. Si consiglia controllo tra tre mesi con ECG; terapia con 20 mg. di Plaunac al mattino + mezza compressa di Lobivon a mezzogiorno. In caso di persistenza del fenomeno, possibilità di effettuare test da sforzo + ecocardiocolordoppler”.
Alle mie domande (sono una persona ansiosa), il cardiologo ha aggiunto poi a voce: “Non si preoccupi, non è nulla di importante; ci rivediamo tra tre mesi e magari allora faremo qualche approfondimento”.
Io però sono alquanto perplessa e allarmata: sarei molto grata a chi mi volesse fornire maggiori delucidazioni su quella anomalia dell’ECG e sulla terapia consigliatami. Grazie in anticipo.
N.B.: un ECG e un ecocardiodoppler eseguito due anni fa erano risultati del tutto nella norma.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Il reperto elettrocardiografico, così come descritto ed in assenza di una visione diretta, appare aspecifico e non riconducibile ad una determinata patologia cardiaca. Infine, non è possibile nè corretto esprimere opinioni su una terapia prescritta da altri senza poter visitare direttamente il paziente, ma con i limiti di un consulto a distanza essa appare corretta.
Cordiali saluti