Utente 236XXX
Egregi dottori

Sono più di dieci anni che sono stato operato per un varicocele di terzo grado al testicolo sinistro. Dopo pochi mesi dall'intervento notai al tatto come una specie di nodulo in prossimità dell'epididimo sx che solo se toccato mi creava un dolore che si diffondeva nell'inguine. Ho lasciato correre credendo fosse una recidiva dell'intervento ma pochi giorni fa ho sentito una fitta e ho deciso per tranquillizzarmi di fare un ecografia. L'ecografista mi rassicura dicendo che non ho noduli e che quella pallina che sento e che mi da dolore se toccata con le dita è un "esito di pregressa legatura chirurgica della vena spermatica"! Leggendo qua e la su internet mi è sembrato di capire che per il tipo di intervento che ho subito in quegli anni, la legatura ed il taglio delle vene da reflusso non avvenivano a livello del testicolo. Quindi ho capito io male o quel presunto noduletto è da imputare a qualche altro fenomeno recidivo post intervento ?
E' possibile che l'ecografista non se ne sia accorto?

Posso stare tranquillo?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
il coagulo che si forma dopo intervento si propaga a ritroso lungo la vena. Se questo non avviene il varicocele recidiva. ottimo chirurgo il collega.
[#2] dopo  
Utente 236XXX

Iscritto dal 2012
Egregio dottor Cavallini

Grazie per la repentina risposta ma mi permetta di chiedere un'ulteriore delucidazione. Non ho capito se poi a questo coagulo dovrebbe esserci legato un moncone di una vena tagliata oppure no, poiché al tatto sembra come una specie di struttura sferoidale tipo un foruncolo per intenderci. A livello chirurgico come hanno operato?

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
non c' è il moncone è più verso l' inguine
[#4] dopo  
Utente 236XXX

Iscritto dal 2012
Egregio Dr. Giorgio Cavallini

Innanzitutto la ringrazio per la sua disponibilità ma le chiedo di essere più preciso ed esauriente nelle risposte.

In base a tutto quello che ha letto mi devo preoccupare?

Devo fare qualche altra indagine o ripetere l'ecografia?


Grazie
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Preciso lo sono ed esauriente pure: il moncone venoso è più alto verso inguine, non si preoccupi, noin faccia altro. Non si faccia prendere da dubbi infondati.
[#6] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
lei non ci fornisce indicazioni su che tipo di intervento è stato effettuato; ad esempio è molto importante conoscere se l'approccio chirurgico è stato scrotale o inguinale.Anche molto utile sarebbe conoscere il grado di varicocele ed il decorso post-operatorio.
Tuttavia se all'ecografia non si è rilevato nulla di anomalo e meno che mai è stato individuato un nodulo testicolare deve essere tranquillo. Quello che deve fare è consultare uno specialista, e sulla scorta del referto ecogarfico, verificare insieme a lui cosa sia e che significato abbia la tumefazione che lei palpa.
Ulteriori informazioni sul varicocele (gradi, tipi di intervento, complicazioni etc.) può trovarle all'indirizzo www.ambulatoriodiandrologia.it

Cordiali saluti