Utente 153XXX
Gentili Dottori
Sono un ragazzo di 22 anni, peso 86 kg, altezza 1.92. Due giorni fa ho avuto problemi di digestione che mi hanno portato al vomito. Nell'immediato non mi sono accorto di nulla, ma il giorno dopo ho notato un certo affaticamento della muscolatura mandibolare. Ho iniziato a testare l'articolazione splancando ampiamento la bocca. A metà del movimento incontro una sorta di blocco che viene poi superato mediante la sporgenza laterale del condilo sinistro, cui segue l'apertura completa della bocca. Osservando l'iter del movimento allo specchio vedo una sorta di movimento a zig-zag fatto dalla mandibola. Non sento particolare dolore durante il movimento (posso masticare e parlare normalmente o quasi), ma percepisco un costante senso di "lieve contrazione" della muscolatura annessa. Non so se quest'ultimo sintomo possa essere determinato da fattori psicologici. Oggi sono stato dal mio dentista, il quale mi ha dato una veloce occhiata ed ha fissato una visita finalizzata alla creazione di un bite da mettere la notte, non ho capito bene a quale arcata dentale. La visita è prevista fra due settimane. Cosa ne pensate voi? Di cosa potrei avere ulteriore bisogno? Di quale problema effettivamente può trattarsi?
[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività +44
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
penso sia sicuramente opportuna una valutazione gnatologica se il suo dentista non è uno gnatologo e non penso se ha rapidamente, come a lei riferito risolto la questione a meno che non abbia rimandato la completa valutazione nel prossimo appuntamento
nel suo caso importante sarà lo studio dell'articolazione temporo-mandiboalre del'equilibrio muscolare e della situazione occlusale
in virtù della sua giovane età la situazione non va e non deve essere sottovalutata
cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
48% attività +48
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Se vuole comprendere meglio la meccanica del movimento mandibolare provi a leggere http://www.danieletonlorenzi.it/?p=79. Di sicuro è necessario (come dice il collega) una valutazione approfondita e poi, fatta la diagnosi, è necessario fare la terapia che comprende come parte fondamentale il bite adeguato http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/news/821/Tanti-tipi-di-bite-ai-denti-come-sceglierlo.