Utente 187XXX
salve,
da qualche mese ho una piccola pallina al polso dx dolente e molto rossa.
Dopo una prima visita da parte del medico curante, lo stesso mi ha prescritto una ecotomografia polso dx, che ho immediatamente eseguito.

In corrispondenza del reparto clinico obiettivabile si osserva centimetrica immagine transonica, di tipo liquido, compatibile con gaglio o con cisti tendinea.

Mi rivolgo a voi specialisti del caso perchè il mio medico mi avrebbe detto che sarebbe da togliere chirurgicamente, e mi avrebbe prescritto una visita ORTOPEDICA !!!???

attendo un riscontro per conoscere le prossime azioni da prendere.

distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

la terapia del ganglio artrogeno (impropriamente detto "cisti tendinea") è solo chirurgica.

Questo non vuole dire che lei si deve operare, ma che se vuole eliminare il problema può farlo solo chirurgicamente.

Esiste però un minimo richio di recidività (può riformarsi): io consiglio di tenere a riposo assoluto il polso operato (non le dita) con un tutore rigido per 3 settimane, prima di riprendere gradualmente i mvimenti del polso.

E' anche vero che se non le dà alcun fastidio, può anche tenerselo, senza alcun rischio per la salute.

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2011
salve,
sono stato indirizzato a fare una visita in un centro specializato della mano.

Dopo aver atteso il mio turno, il medico specialista della mano mi avrebbe prescritto un Elettromiografia per escludere il tunnel carpale per poi decidere cosa fare.

Ebbene
devo mettermi in lista per l'esame ed attendere altri 33 giorni, mentre la ciste mi sta veramente facendo male con il dolore che si espande anche verso il braccio.
Sono veramente preoccupato perchè il dolore - da circa 15 giorni - non cessa, anzi ho fitte (come un ago che punge) incontinuazione.
Chiedo cosa poter fare.......per anticipare l'intervento, sopratutto perchè la mano in questione non la posso usare.

attendo risposta.
grazie
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
L'eventuale Sindrome del Tunnel Carpale non ha nulla a che vedere con il dolore a livello del ganglio sinoviale.

Potrebbe intanto fare una terapia antiinfiammatoria locale (gocce, schiuma o gel) due volte al giorno o ricorrere a un'infiltrazione locale, mettendo un tutore rigido per polso, cose che dovrebbero eliminare temporaneamente il dolore (in attesa di un eventuale intervento chirurgico).

Buona serata.
[#4] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2011
grazie Dottore della risposta.

personalmente, avevo capito benissimo che si trattava di un sistema "classico" per "far perdere del tempo al paziente " ....poichè le liste d'attesa per questi interventi sono lunghissime.


Comunque altro fatto che mi avrebbe lasciato un grande amaro in bocca è che uno specialista della chirurgia della mano, dopo aver visitato il paziente e aver letto il referto dell'ecografia, credo sia in grado di distinguere la sindrome del tunnel carpale da una ciste tendinea.
Inoltre riferisco che fino ad oggi le mie visite specialistiche sono state prenotate con il codice D, lo specialista della mano per l'elettromiografia avrebbe scritto sull'impegnativa il codice P.....

Comunque mi convinco sempre più che l' Elettromiografia non serve a nulla e quindi faccio bene a non eseguire l'esame.
Resta il caso che mi dovrò recare in un altro ospedale dove mi farò prenotare in tempi celeri l'intervento.

Poi da onesti cittadini ci chiediamo tutti come possono cambiare alcune cose della sanità pubblica!


Distinti saluti
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Potrebbe essere che c'è anche la sindrome del tunnel carpale oltre al ganglio.

Si manifesta con formicolio, specie di notte, alle prime tre dita.