Utente 223XXX
Circa quattro anni fà ho sofferto di orticaria e da accerrtamenti effettuati all'epoca sono risultata celiaca, cambiando l'alimentazione nel giro di cerca 6 mesi il problema è rientrato. Ora sono gg. 15 che il problema si è ripresentato, pensando di aver mangiato cose non consentite, nello speciffico della pasta di mandorla comprata in pasticceria, ho pensato che nel giro di qualche giorno passasse tutto, ma così non è stato. Ieri mi sono rivolta nuovamente al gastrenterologo che mi ha seguita 4 anni fà e che ovviamentte mi ha prescritto una serie di accertamenti da fare per valutare i valori della celiachia ed eventuali altre alterazioni. Contestualmente ieri ho anche ritirato la cartella clinica relativa ad un intervento di stapedoplastica subito nel mese di novembre e leggendola ho visto che la protesi che mi è stata impiantata è di titanio e teflon per cui mi è sorto il dubbio che l'orticaria potesse essere una reazione al materiale di composizione di tale protesi. E' possibile ciò, ci sono degli accertamenti da poter fare per escluderlo o al contrario averne conferma? E' il caso che mi rivolga all'otorino?
Spero di avere presto un parere sul da fare. Grazie Brunella

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Brunella,
E' possibile verificare l'ipotesi di una allergia al titanio sottoponendosi al patch-test per tale sostanza chiedendolo espressamente ad un centro di Allergologia o di Dermatologia che pratica tale esame e che abbia tale sostanza nei suoi pannelli di screening.
L'allergia al teflon (PTFE), seppure teoricamente possibile, non è stata ancora descritta nella letteratura medica e, pertanto, non dovrebbe essere presente nemmeno nei cataloghi delle aziende che producono materiali diagnostici per i patch-test.
Cordiali saluti,
[#2] dopo  
Utente 223XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dr. Verna la ringrazio della sua disponibilità e se dalle analisi che dovrò fare non uscisse nulla mi sottoporrò anche al test di cui mi parla e che ovviamente, nel caso dovessi essere costretta a fare, mi augurerei, per ovvie ragioni, fosse negativo.
Ancora grazie Brunella