Utente 225XXX
Gentili dottori,
Dopo aver avuto problemi di erezione(sufficiente alla penetrazione,ma poco soddisfacente)per circa un anno ho deciso di fare l'eco color doppler penieno dinamico.Il referto mi deve essere ancora comunicato ma il medico mi ha anticipato che la mia situazione arteriosa è buona,in linea con la mia età,ma c'è una sorta di deflusso venoso che non consente appunto di ottenere una rigidità soddisfacente.Durante l'eco ho raccontato al medico che mia madre si è operata di emorroidi e che anche io ne ho sofferto in passato e anche se ho passato periodi in cui non ne avevo ora ne soffro di nuovo.Il medico mi ha detto che c'è una correlazione fra emorroidi e erezione in quanto (se ho capito bene) sono le stesse vene responsabili del processo erettivo.
Io sono davvero molto avvilito in quanto non avrei mai pensato che alla mia età(non bevo e non fumo) si potessero già avere problemi organici.
Vengo alle domande:
Questa mio malfunzionamento venoso (seppur lieve,credo,in quanto comunque raggiungo l'erezione sufficiente alla penetrazione) può essere curato definitivamente?
Può peggiorare nel tempo?nel senso che fra qualche tempo non avro nemmeno un erezione sufficiente alla penetrazione?
Ho letto una articolo del dott.Cavallini che afferma che "l' incontinenza venosa è generata da: problemi arteriosi, ormonali, psicogeni o strutturali (traumi, fibrosi o morbo di La Peyronie) del pene. Quindi va curata la malattia scatenante"
Mi sembra di capire che questo problema venoso può avere anche cause psicogene, e visto che io sono un tipo un po' ansioso e ho passato questa mio deficit erettivo si è manifestato in concomitanza con un periodo di stress,ho pensato che forse la causa psicogena può essere possibile...
Aspetto vostre risposte riguardo la mia situazione..Ciò che comunque mi preme di piu è sapere se questa mia fuga venosa o comunqe questo mio problema venoso sia curabile o meno...Non voglio pensare di assumere Cialis o simili alla mià età per avere rapporti soddisfacenti...
Cordiali Saluti a tutti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
il dottor Cavallini le risponde. La fuga venosa non esiste in sè, ma è sintomo di altri problemi, curati i quali la cosa si sitemna. Nei giovani la causa più frequente è psicogena o ansiosa che dir si voglia e personalmente in questi casi preferisco psicorerapia a farmaci. Consulti collega per diagnosi definitiva e sappia dire se vuole.
[#2] dopo  
Utente 225XXX

Iscritto dal 2011
Davvero??Lei mi sta dando una notizia bellissima..perchè il medico che ha eseguito l'eco color doppler mi ha detto che questa "disfunzione venosa"non si cura..ma dopo che ho letto il suo articolo mi sono rincuorato...ho eseguito l'eco pochi giorni fa e non riesco a pensare ad altro ora,cioè al fatto di avere una disfunzione erettile organica alla mia età...secondo lei perchè il mio medico ha detto cosi??
La ringrazio!!
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore, non so dove il suo medico peschi certe notizie, ma so dove pesco le mie (dia una occhiata al mio curriculum, e mi scusi se mi pavoneggio), e le garantisco che "sistemare" (mi passi il termine) definitivamente un giovane adulto è cosa facile.