Utente 835XXX
Cari medici,
sono una ragazza di 23 anni.
Circa un paio di volte al mese, avverto un forte dolore a livello della costola, il primo osso che sento giusto sotto la piega del seno sinistro.
Mi capita improvvisamente, e la cosa mi spaventa molto. Ieri sera, però, il dolore era più forte del solito. Vi spiego. E' un dolore che si irradia nella zona. Non mi fa male il braccio e nemmeno la schiena. Mi sembra che queste "scosse/fitte" arrivino al cuore, e durano da pochi secondi a qualche minuto. Il dolore mi si accentua quando inspiro profondamente. Più inspiro e più fa male, quasi come se mi si stesse strappando un muscolo, ho il terrore che sia un problema al cuore. Quando invece respiro normale, il dolore NON lo sento, anche se c'è. Devo sempre inspirare abbastanza (fino a sentire il dolore) e poi trattenermi, inspirare maggiomente e trattenermi (perchè mi farebbe troppo male fare un respiro profondo) gradualmente e finche passa completamente. In pratica lo sento quando la cassa toracica si allarga per respirare e mi sembra quasi di avere un infarto anche se i battiti rimangono invariati.
Come faccio a capire se è un dolore intercostale o un dolore del cuore?
Ho una vita molto sedentaria e spesso sto in posture scorrette.
Da una visita l'anno scorso mi è stato diagnosticato un prolasso mitralico lieve, è possibile che tutto sia dovuto a questo? E' meglio se vado al pronto soccorso?
E' circa 4 anni che ho questo problema ma a volte per mesi non mi si presenta. Al controllo avevo segnalato la cosa ma mi era stato detto di non preoccuparmi, che poteva essere il prolasso.
Ogni attacco è sempre più forte..Potrebbero essere semplicemente punture intecostali? Cosa potrebbe essere con questi sintomi?

Grazie infinite per la comprensione e il tempo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I dolori che lei riferisce, sia per tipo che per durata , non hanno a che vedere con il suo cuore.
Sono tipici dolori osteo-muscolari, che tipicamente sono sensibili agli atti del respiro
Si tranquillizzi
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 835XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille dottore, inoltre le dico che molto spesso presento tachicardia e i miei battiti al minuto mediamente sono 100-120, senza aver fatto nessuno sforzo. Molte volte poi sento delle mancanze, un tonfo al cuore come se perdessi un battito e poi tutto riprende.
E' tutto da considerarsi normale alla mia età o meglio sottopormi a qualche accertamento? Il cuore e la tiroide di hashimoto possono essere correlati tra loro?

Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se la frequenza media fosse cosi' elevata e' opportuno che lei esegua un dosaggio degli ormoni tiroidei ed un holter delle 24 ore, per verificare la reale frequenza media gioornaliera.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 835XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dottore per la tempestiva risposta.
Le analisi di controllo le ho fatte la scorsa settimana.
Il TSH era a 5.4 e il T3, T4 nella norma.
L'endocrinologo non mi ha ancora prescritto l'eutirox perchè secondo lui, vedendo anche l'eco tiroidea, si potrebbe aspettare ancora un po'.
Può essere la tiroide che crea tutto ciò?
I battiti alti cosa possono provocare?
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Sono solo fastidiosi, ma informali suo endocrinologo
Arrivederci
Cecchini