Utente 375XXX
Gentili dottori,

sono una ragazza di 24 anni, alta 1.50 e peso circa 45,5 kg. Sono di costituzione magra, ho sempre avuto gambe snelle fino a 7 anni fa dove a causa dell'assunzione della pillola sono ingrassata di 7 kg, mi sono riempita di ritenzione idrica e mi è stato diagnosticato dall'ecodopller uno stato iniziale di insufficienza venosa (non ho capillari visibili). Lo scorso annno ho abbandonato la pillola e conducendo un sano regime alimentare evidando cibi grassi e contenenti molto sodio, abbinato a palestra (acquagym, aerobica) e a un mese circa di pressoterapia a casa (consigliata dall'angiologa), ho perso tutti i chili accumulati ritornando al mio peso. Putroppo non riesco a sgonfiare la zona dei fianchi (interno coscia ed esterno coscia) e ultimamente nonostante porto le calze a compressione graduata (140 denari) sento pizzicare le gambe, sono dolorese al tatto e le sento pesanti (nonostante ho poca cellulite evidente). Oltrettutto premendole sento come dei "noduli" che non capisco cosa sono. Grasso? Ritenzione idrica? Cellulite fibrosa? Insufficienza venosa? Premetto che andrò a farmi visitare anche dal mio medico di base (che magari mi consiglierà una visita specialistica) ma nel frattempo vorrei capire cosa potrebbero essere quei noduli e sapere se posso risolvere il problema nuovamente con la pressoterapia. Vorrei sapre dato che in questo periodo non posso andare in palestra e lavoro 8 ore seduta davanti al pc, se mezzora al giorno di cyclette moderata possa essermi d'aiuto per muovermi un po' (quando ero iscritta in palestra non mi facevano male le gambe).

Vi ringrazio anticipatamente

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,
purtroppo da questa nostra postazione non è possibile chiarire la natura e la causa, oltre alla soluzione, dei "noduli" riferiti.
Soltanto con una valutazione ecografica e, se necessario, con una rivalutazione eco-colordoppler potrà fugare ogni Suo dubbio.
Ci aggiorni dopo aver effettuato gli esami diagnostici suddetti per una "second opinion".
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 375XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio per la risposta, le notificherò della situazione non appena avrò fatto gli accertamenti necessari.