Utente 238XXX
Gent.mi Dott., un anno fa, alle due di notte,mentre dormivo, sono stata colta da fibrillazione atriale, risolta dopo 3 giorni di ricovero in Terapia Intensiva .
Dalle analisi è risultato il K+ a 2,9 .
Questo basso livello di potassio può aver causato l'attacco improvviso ?
Qual'è il minimo valore iniziale per un rischio di fibrillazione ?

Grazie 1000

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi la ipopotassemia non e' responsabile della fibrillazione atriale. Se tale valore fosse confermato (una volta escluse perdite con vomito , oppure terapie farmacologiche...) andrebbe escluso un iperaldosteronismo.
Ne parli con il suo medico
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 238XXX

Iscritto dal 2012
Grazie dott. Cecchini per la risposta istantanea, ma non ho nessuna sindrome di Conn . Il mio aldosterone è nella norma .
Due giorni prima dell'attacco di fibrillazione ho vomitato ( non sapendo di soffrire ancora di Meniere ) e il cardiologo dell'ospedale ha sospettato che la f.a. fosse stata causata dal potassio, infatti ha provveduto ad un ripristino a valori normali .

Cosa mi consiglia ?

Ancora grazie

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
E' verosimile che la modesta ipopotassemia sia legata al vomito, quindi.
Non ha ad ogni modo nesso con il suo epiosdio di f.a..
La potassemia si ripristenera' da sola con la sola alimentazione normale.
Per cio' che concerne la f.a. occorre che lei esegua (se non l' avesse gia fatto - un ecocolordoppler cardiaco, un dosaggio degli ormoni tiroidei ed un holter cardiaco delle 24 ore).
Arrivederci
cecchini