Utente 130XXX
Buongiorno,

ierisera mio fratello ha iniziato ad accusare una forte tachicardia, l'abbiamo portato al pronto soccorso dove hanno eseguito vari controlli tra i quali ecg e tac (negativi) ed analisi del sangue, da quest'ultime i valori alterati riguardavano: sodio siero 128 mmol/L, potassio 3,1 mmol/L, osmolalita&apos 272 mOsm/Kg.

Oltre a tachicardia ha accusato anche sensazione di vomito. Gli hanno somministrato una soluzione di elettroliti e nel giro di un paio d'ore da quando è arrivato al pronto soccorso è stato meglio.
La sua età è di 40 anni, è in ottima forma fisica, non fa sport e non assume farmaci. Cercando su internet ho trovato che quel genere di valori riconduce all'iponatremia. Cosa sa dirmi a riguardo? Consiglia ulteriori accertamenti? Ci sono particolari condizioni che posso alterare questi valori? (es. avere bevuto molto)

Spero di non aver sbagliato sezione per il consulto.
Grazie
Cordiali Saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
0% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Iponatriemia indica appunto una ridotta concentrazione di sodio (al di sotto di 135 mmol/L). Non è una malattia in sè, ma un segno laboratoristico che può caratterizzare diversi stati para-fisiologici (come la disidratazione) o patologici.
Una valutazione clinica diretta è indispensabile in questi casi.
Ammesso che suo fratello sia stato immediatamente dimesso dal PS, sarà un valore da ricontrollare a distanza di breve tempo.

Saluti
[#2] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera Dr. Mangione,

grazie per la risposta. Il medico di famiglia ha consigliato una cura e di ripetere le analisi entro una decina di giorni affermando che non di rado, data la velocità con cui operano al PS, possono anche sbagliare nell'esecuzione delle analisi. Volevo chiederle in quali modi possono essere collegati la tachicardia e carenza di sodio e se quest'ultima può anche essere collegata al panico. Inoltre vorrei aggiungere che mi pare abbia riferito di essere andato in bagno spesso.

Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
0% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
La disidratazione (perdita di acqua e sale) produce ipotensione e tachicardia. Bisogna escludere che suo fratello assuma, anche a scopi non necessariamente terapeutici, farmaci come i diuretici.
[#4] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Salve Dottore, grazie

non assume alcun farmaco diuretico né di altro genere.

E' possibile che la disisdratazione sia una conseguenza dell'aver bevuto molto nei giorni precedenti (un'acqua povera di sodio oltretutto) e essere andato in bagno a urinare molto di frequente?