Utente 247XXX
Salve sono un ragazzo di 28 anni e giovedì scorso ho effettuato presso unità endoscopia del mio paese colonoscopia in sedazione cosciente ,senonchè dopo somministrazione di oppiode presumo ho avvertito tachicardia sinusale con 150 pulsazioni al minuto alchè il medico ha chiamato la cardiologa che mi ha subito effettutato ECG sul posto rilevando semplicemente una tachicardia sinusale e dando cmq l'ok a procedere mi hanno finito di sedare con l'altra ignezione di presumo valium o affine e durante la colon è cmq andato tutto bene solo che dopo i miei battiti sono rimasti sui 140-130 pulsazioni al minuto per almeno 3 ore dopo di che un altro cardiologo mi ha somministrato betabloccante (tenormin) e dopo un altra ora finalmente con pressione intorno ai 100 sono riuscito a tornare a casa.Premetto che è stata veramente una bruttissima esperienza perchè dopo la prima puntura mi sono veramente sentito male come non mai ,allora i medici mi hanno tranquillizato tuttidicendo che può capitare non è nulla io però vorrei sapere se secondo il vostro parere dovrei rifare ECG o altri esami specifici ,anche il mio medico curante mi rassicura ma sinceramente avere molti pareri è meglio di averne uno solo.Aggiungo che medico curante ha addotto che potrebbe essere stato l'effetto del selg-esse ad avermi abbassato notevolmente il potassio nel sangue cmq vi ringrazio verament per l'attenzione e la disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Possono essere stati diversi elementi insieme, lo squilibrio elettrolitici, lo stimolo Dell aria pompata all interno Dell intestino .
Niente di preoccupante se la tachicardia era come le è stato detto, sinusali.
Cordialità
Cecchini
www.cecchinicure.org
[#2] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
E' verosimile che quanto Le è accaduto sia conseguenza della somministrazione di joscina (Buscopan), spesso eseguita immediatamente prima della colonscopia sia per ottenere un migliore rilassamento del viscere che per prevenire possibili bradicardie (proprio per il suo effetto collaterale tachicardizzante) indotte dall'insufflazione di aria nel colon. Quindi, se la mia ipotesi fosse corretta, si è trattato ovviamente di un episodio autolimitato e destinato a restare isolato nel tempo.
Però, se dovesse sottoporsi di nuovo a tale esame, faccia cenno di quanto Le è capitato al collega endoscopista!
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 247XXX

Iscritto dal 2007
Ringrazio veramente entrambi sicuramente lo farò presente in futuro per qualsiasi indagine endoscopica.
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Possono essere stati diversi elementi insieme, lo squilibrio elettrolitici, lo stimolo Dell aria pompata all interno Dell intestino .
Niente di preoccupante se la tachicardia era come le è stato detto, sinusali.
Cordialità
Cecchini
www.cecchinicure.org