Utente 504XXX
Salve gentili dottori grazie per l’ attenzione e scusate se forse mi dilingherò.
Sono un ragazzo di 22 anni. Qualche tempo fa (3 mesi circa) in seguito a un episodio spiacevole che mi causò parecchia ansia ho cominciato ad accusare fastidi quali dolori al petto, palpitazioni, battiti aritmici e tachicardia, il che mi ha portato tra l’ altro ad aumentare ancora di piu il mio stato d’ ansia che come si sa contribuisce a fare antipatici “scherzi” quali tachicardie, ecc xcui è diventato un brutto circolo vizioso.
Il mio medico di base, oltre a riscontrarmi una lieve aritmia respiratoria (a proposito che vuol dire? È preoccupante?) mi ha prescritto un ecocardiodoppler nel quale mi è stato riscontrato un prolasso congenito della valvola mitrale, che mi è stato detto da chi mi ha fatto l’ esame (ospedale santa rita di milano) essere piuttosto comune e comunque di non preoccuparmi in quanto non pericoloso; ecco i dettagli:

Cavità cardiache di normali dimensioni e spessori parietali
Normale cinesi, FE 64%
Lieve ispessimento dei lembi valvolari mitralici con lieve prolasso del lembo anteriore senza evidenza di rigurgito significativo al color doppler
Pattern transmitralico normale
Normale escursione sistolica dei lembi valvolari aortici (valvola tricuspidata)
Minimo rigurgito polmonare e tricuspidale parafisiologici con PAP normale (28 mmhg)
Non versamento pericardico ne difetti settali

Il mio medico di base, consultati questi referti mi ha detto anch’ egli di stare tranquillo, che è un disturbo comune e che non ho nulla di preoccupante o pregiudicante nel senso della salute fisica e di fare per scrupolo un controllo ogni 2-3 anni come si fa in questi casi.
Ultimamente va meglio, anche se ogni tanto accuso ancora qualcuno di questi disturbi (anche a causa dell’ ansia) che nonostante le rassicurazioni ricevute non manca mai di preoccuparmi, è più forte di me. Ho smesso del tutto da un paio di mesi di fumare sigarette, bevo pochi alcolici e faccio uso occasionale di cannabinoidi ormai sempre piu sporadico. Vorrei rincominciare a svolgere la mia precedente attivita sportiva (palestra).
Ora le mie domande sono:
1)posso svolgere tranquillamente questa attivita sportiva?
2)Che danni comporta a lungo termine l’ uso di sostanze cannabinoidi sul sistema cardiocircolatorio? Puo aggravare il mio “problema”?
3)Il dottore che mi ha fatto l’ esame e il mio medico di base mi hanno appunto detto di non preoccuparmi perchè il mio cuore è sostanzialmente sano...cosa ne pensate voi riguardo all’ esito del referto medico che ho sopra riportato e a quanto mi è stato appunto detto in merito? C’è il rischio, con questo quadro clinico e la mia età (22) di incorrere in rischi cardiaci concreti (vedi infarto ecc so che magari è stupido ma la paura c’è)?

Grazie mille a tutti coloro che mi daranno il loro gentile consulto !

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
non si faccia le canne e i disturbi passeranno...
Da quanto letto non ha alcun vizio cardiaco
GAD
[#2] dopo  


dal 2009
grazie del consulto! potrei chiederle, per gentilezza, di rispondere diciamo "punto x punto" alle mie domande? così da togliermi dei dubbi...grazie mille!
[#3] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
L'uso di droga può provocare spasmi coronarici e infarti anche in giovane età.
Certo l'uso occasionale (1 volta al mese max) di cannabis non può provocare eventi cosi drammatici, tuttavia da questo si passa spesso all'uso di droghe più pesanti e quindi torno a consigliarti di non farti le canne!
Per il resto fai pure sport e attività fisica e vivi serenamente

auguri

GAD
[#4] dopo  


dal 2009
Grazie del consulto! solo per capire bene...con "l' uso di droga puo portare all infarto anche in soggetti giovani" lei intende dire esplicitamente che, anche in un soggetto giovane e senza vizi cardiaci rilevanti, il solo uso di cannabis puo portare all infarto, o nel senso che la cannabis è pericolosa ma in quanto preambolo a altre droghe piu pesanti (vedi cocaina ecc) che possono (queste) causare infarto?! ci terrei a una risposta, perchè appunto la cannabis mi capita di usarla, il resto assolutamente no...grazie
[#5] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
esattamente cosi!
[#6] dopo  


dal 2009
mi scusa dottore ma esattamente così...cosa?! la prima affermazione, cioè la sua pericolosità come sostanza di per se, o la seconda cioè la sua pericolosità in quanto tramite a altre sostanze poi piu pericolose? grazie
[#7] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
La cannabis di per se non è pericolosa in assoluto a basse dosi ma lo diventa in quanto predispone ad impiegare droghe sempre piu pesanti. Se poi viene utiizzata ad alti dosaggi diventa a sua volta pericolosa...

[#8] dopo  


dal 2009
ok ho capito...grazie del consulto! usufruisco dei vostri consulti da qualche mese ormai...meno male che c'è questo servizio online! grazie a tutti