Utente 238XXX
salve dottore,
la scorsa settimana purtroppo a causa di una scivolata sulle scale di casa ho riportato una frattura completa alla base del quinto metacarpo nella mano destra(diagnosticato dal mio ortopedico).
In seguito il mio ortopedico mi ha fatto una fasciatura in resina(scusate l'ignoranza poichè non conosco il termine medico di quest'ultima),con la mano in posizione di riposo metacarpale, la quale devo tenere per 28 giorni.
Però è da circa una settimana che ho un formicolio continuo al pollice e quando me lo tocco la sensazione è quella di mille pungiglioni che mi pungono il dito; perciò vi chiedo: cosa potrebbe essere ?? è normale secondo voi dato che ho tutte le dita gonfie? se è possibile volevo sapere anche se dopo questi fatidici 28 giorni ,poi potrò ritornare a correre in moto?
un grazie in anticipo arrivederci.
PS:quali altri sintomi potrei avere( ad esempio la mano che si riesce a chiudere più la mano etc)? questa frattura comporterà qualcosa nel movimento del polso?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
La frattura del 5° metacarpo se consolida bene non dà problemi né alla mano né al polso, tuttavia prima di tornare sulla moto dovrà avere l'approvazione dell'ortopedico e non sarà certo alla rimozione del gesso, perché la mano e il dito, a lungo immobilizzati avranno bisogno, probabilmente, di una appropriata riabilitazione.
Se la mano è gonfia è indispensabile tenerla in scarico, cioè più in alto del cuore e senza piegare troppo il gomito.
La sensazione al pollice potrebbe essere provocata dalla compressione del bordo del gesso in resina sulla cute del pollice, se spinge sul decorso di un nervo sensitivo.
Provi a tenere in alto la mano e se il problema persiste domani torni dal Suo ortopedico perché valuti se sia necessario modificare il gesso in resina, rifilandolo o slabbrando un bordo.
Cordiali saluti