Utente 131XXX
Già a novembre scorso ho chiesto un consulto relativamente al prurito, non terribile ma pur presente, su tutto il corpo che avverto. Eseguita visita dermatologica e prove allergologiche, i risultati hanno evidenziato una serie di allergie in un soggetto già di per sé atopico: nichel, composite, acari, soia, fagioli, arachidi, piselli, pesca. Eseguiti: a fine novembre emocromo e markers tumorali (tutti nella norma), tac torace ad agosto scorso (tutto normale), colonscopia a settembre scorso (tutto normale), gastroscopia e addome completo, un anno e mezzo fa (tutto normale). Ora la questione è questa: nonostante le cure a base di cortisone per bocca e antistaminici il prurito è diminuito ma persiste e io sono preoccupata, in più la notte a volte sudo, anche se non eccessivamente. Il mio medico dice che il tutto è dovuto alla fase di climaterio che sto vivendo che accentua le mie probllematiche dermatologiche. Volevo chiedere un suo parere e soprattutto se è già venuto il tempo di ripetere alcuni degli esami già eseguiti nell'ultimo anno e mezzo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
…Cara signora, augurandoci che il suo medico abbia ragione…data la problematica ed i dubbi seri che si possono avere…Nel dubbio cmq le consiglio di ripetere almeno un emocromo e quadro proteico ed aggiungerci LDH e Beta2 Microglobulina. Un'altra cosa.Da quello che leggo probabilmente e per nostra fortuna la causa non è un linfoma (il cortisone è attivissimo in questi casi nel mascherare i sintomi). Io mi concentrei molto di piu' sull'apparato gastrointestinale (Helicobacter pilory, parassiti) o tiroide (tiroidite di Hashimoto). Nel frattempo un miglioramento dei sintomi potrebbe averlo mangiando " in bianco" per un paio di settimane ed assumere un po' di fermenti lattici per il riequilibrio della flora batterica intestinale. Tutto ciò sospendendo ovviamente antistaminici e cortisone altrimenti non si capisce niente. Spero di averLe dato qualche buon consiglio. Cordiali saluti ed in bocca al lupo.
[#2] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
Vorrei specificarle questi altri elementi: la cura che ho effettuato è stata la seguente: 5 giorni di cortisone 25 mg e a seguire 6 giorni di cortisone 12,5 mg; 6 giorni di panfur. In tale periodo il prurito era scomparso. Quindi devo pensare ad un linfoma? sarebbe sensibile anche a queste dosi? La tiroide è stata controllata con ecografia a fine novembre scorso, data a cui risalgono anche emocromo, quadro proteico, lddh e beta2. nell'ottobre 2010 ho effettuato asportazione della cistifelia e in quella occasione mi è stata fatta una gostroscopia che non ha evidenziato nulla. Comunque, grazie e domani mattina corro a fare le analisi. Saluti
[#3] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
..per la tiroide deve effettuare anche i dosaggi ormonali e degli autoanticorpi, l'ecografia puo' non essere significativa. La cura che ha fatto è stata importante e tra l'altro con dosaggi importanti di cortisone. Stia tranquilla, il collega che l'ha vista non è sicuramente uno sprovveduto. Faccia gli esami solo per tranquilliizarsi e Le faccio presente che anche uno stato ansioso si riflette non solo sull'intestino ma anche sulla somatizzazione del prurito. Non si preoccupi eccessivamente.Saluti.
[#4] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
i dosaggi li ho fatti e sono a posto.
[#5] dopo  
Utente 131XXX

Iscritto dal 2009
mi scusi ancora, ma perchè non posso essere le allergie di cui soffro?