Utente 239XXX
Mio padre di 63 anni già sofferente di rettocolite ulcerosa dall'età di 16 anni , è stato sottoposto 28 giorni fa ad una colectomia sub-totale con anastomosi ileocolica LT meccanica per l'asportazione di un tumore occlusivo sito all'angolo sinistro del colon.
Un mese e mezzo prima dell'intervento di colectomia era stata praticata una stomia per occlusione dovuta al tumore la quale ha avuto poi una complicazione per un prolasso ileocecale strangolato e quindi non ospedalizzato è stato operato d'urgenza.Fino a quando esiste il pericolo di deiscenza dato che nel secondo intervento sono stati ricongiunti l'intestino a riposo con l'intestino stomizzato?Che dieta seguire?Può mio padre tra qualche mese riprendere la vita di sempre o deve invece evitare lavori un po' pesanti come ad esempio andare in campagna o a caccia?
Gli è stata tolta anche la milza,che pericoli ne possono derivare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Se dopo un mese non vi sono state complicazione significa che le suture anastomotiche sono consolidate. Pre la altre domande le risposte saranno date dai medici che hanno in cura il papa' dopo i previst controlli.
[#2] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, riguardo alle altre domande, ovviamente con le dovute riserve legate al fatto di non poter visitare suo padre, la dieta da seguire non sarà una dieta particolare, ma gradualmente riprenderà a mangiare come prima dell'intervento. Potrà riprendere ad andare in campagna o a caccia soprattutto per un motivo psicologico piuttosto che fisico, evitando ovviamente lavori particolarmente pesanti. Per quanto riguarda l' asportazione della milza all'età di suo padre non esistono i problemi immunologici dei bambini, ma comunque una valutazione ematologica per eventuali piastinosi(aumento del numero delle piastrine) nel postoperatorio ed una valutazione infettivologica per cicli vaccinali contro infezioni soprattutto polmonari possono essere raccomandabili.
Cordiali saluti.