Utente 176XXX
Salve signori dottori... volevo parlare del mio "problema" un po' strano che mi sta succedendo da questi giorni a venire.
Sono un ragazzo di 27 anni e sono fidanzato da oltre 5 e devo dire che fino a poco tempo fa il mio rapporto sessuale con la mia ragazza non aveva problemi fino a quando, qualche giorno fa, ho accusato una perdita di eccitazione proprio durante l'atto sessuale e le successive conseguenze del caso.
Pensavo fosse un cosa iniziata e finita li... però poi i giorni a seguire la cosa è continuata... mi spiego meglio... faccio fatica ad eccitarmi e quindi ad avere una erezione che mi duri per un po' ma la cosa alquanto strana è che dopo un "duro lavoro" per avere un'eccitazione degna di se', all'atto della penetrazione dopo neanche 4-5 minuti arrivo subito all'orgasmo senza riuscire a contenermi... e questa cosa mi da molto fastidio!

Ricordo che fino a poco tempo fa avevo dei rapporti abbastanza nella norma MAI durate così poco... e ripeto anche che da qualche giorno a questa parte faccio fatica ad avere una erezione che mi perduri.

Un'ultima cosa... sto assumendo un farmaco da qualche mese e cioè i LUCEN per la mia ernia jatale... non vorrei che il mio calo ormonale sia dovuto anche a questo.

Prima di consultare uno specialista volevo sapere prima qualche parere di voi specialisti e cosa possa essere questo mio problema... spero sia solo a livello mentale e che col tempo riuscirò a combatterlo.

Grazie e in attesa di riscontro porgo i miei distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

l'Esomeprazolo, il farmaco che sta assumendo non sembra essere il problema principale al suo disturbo sessuale ma, da come ci racconta la sua attuale situazione, saremmo tentati di dirle che il suo problema ha una base psicologica.

Detto questo però l'ultima parola spetta ora al suo andrologo, quello che nel reale potrà valutare attentamente la sua reale situazione clinica.

Cordiali saluti.