Utente 239XXX
Buongiorno,
mi sono sottoposto ad intervento di ernia inguinale dx lo scorso 11 gennaio (fatta anche a sinistra 5 anni fa) con anestesia locale in day surgery.
Alla dimissione mi è stato detto di tornare in ospedale dopo 8 giorni dall'intervento per togliere i punti metallici.
Al momento avevo ancora notevole gonfiore tanto da sembrare ancora come prima di operare ma il medico mi disse che era troppo presto per valutare una recidiva e che ci vogliono anche 1 mese e mezzo-2 prima di veder sgonfiare la parte (ma per l'intervento dall'altra parte sono certo che non era stato così).
Adesso ad un mese dall'intervento e finito il periodo di malattia, si sente al tatto un indurimento accentuato nella parte bassa della ferita oltre a fastidio facendo certi movimenti con il bacino piegandomi verso la parte operata (specie guidando la macchina).
Visto che ho dei dubbi sulla normalità della cosa, ho passato nuova visita dal medico di famiglia che però mi ha detto che posso rientrare a lavoro (anche se nel mio lavoro devo sollevare pesi) e che può essere normale questo indurimento e sensazione di dolore almeno per un paio di mesi e, solo dopo, mi può indirizzare a fare ecografia per vedere se i punti interni siano tutti a posto o la placca sotto ben stesa ed eventualmente, solo dopo questa, ricorrere a nuovo consulto con il chirurgo.
Vi chiedo di indicarmi se le informazioni che mi hanno dato siano o meno corrette e se posso stare tranquillo pur sentendo questa specie di dolore e gonfiore/indurimento.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Concordo con le indicazioni date e quindi può stare tranquillo, anche se la conferma si potrebbe avere solo con la visita reale.
[#2] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio Dottore, quindi secondo lei è presto per pensare ad una nuova visita chirurgica o crede che sarebbe il caso di farla?
Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Il suo medico curante mi sembra ben orientato e seguirei i suoi consigli.
[#4] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, concordo sul fatto che il gonfiore che lei descrive sia una normale evoluzione del processo di guarigione, ma non si aspetti qualora dovesse essere eseguita, che l'ecografia possa darle informazioni sul buon posizionamento dei punti interni, piuttosto che sulla reale corretta distensione della rete. Ritengo invece che qualora il suo curante in futuro dovesse conservare qualche dubbio, dovrà indirizzarla in prima istanza per una visita di controllo dal chirurgo che l'ha operata il quale potrà se lo riterrà necessario, anche richiedere una ecografia inguinale interpretandola nella maniera più corretta.
Cordiali saluti