Utente 210XXX
Salve.
Dopo diversi anni, oggi mi si è ripresentata la sindrome di Raynaud con i sintomi caratteristici: estremità dapprima bianche, poi cianotiche (quasi nere!)seguite da un colorito rosso acceso. Non ho mai approfondito questa faccenda in quanto gli episodi erano piuttosto sporadici e sempre inerenti al freddo. Oggi mentre eseguivo dei lavori in casa mi si sono dunque ripresentati i tipici sintomi ed ho avvertito come una stretta al cuore. Era come se avessi la sensazione di circolazione rallentata, anche ai piedi. (che ho controllato e non apparivano cianotici)
Per ora l'episodio è isolato, ma se dovesse ripresentarsi, cosa mi consigliate di fare? Devo sottopormi a qualche esame o terapia? A parte le cause psicologiche ed escluso il lupus, la sclerodermia e la sindrome di Sjogren, quali potrebbero essere le cause organiche che generano questo morbo? Mia madre soffre di insufficienza venosa che le ha provocato un'ulcerazione ad una gamba. Potrei avere anch'io problemi come questi in futuro, prendendo la sindrome di Raynaud come campanello d'allarme?
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Potrebbe essere opportuna una rivalutazione clinica (visita) ama anche ematochimica al fine di poter escludere con certezza l'esistenza di affezioni infiammatorie sistemiche (artrite reumatoide, lupus, ecc.) la cui evidenza laboratoristica risulta a volte incostante.
Occorrerebbero maggiori indicazioni sulla lesione ulcerativa di sua Madre (esistono numerose tipologie di ulcera, espressione delle piu' disparate affezioni) per poter stabilire una possibile correlazione.

N.B nel suo caso va protetto dal offrendo tutto il corpo, compreso il viso, e non solo le mani.