Utente 239XXX
Gentili medici,
vorrei sottoporre alla Vostra gentile attenzione alcuni quesiti. La madre di mio cognato (90 anni) è stata ricoverata, nel mese di gennaio, per 14 giorni in ospedale a causa di palpitazioni e a causa di difficoltà respiratoria. In ospedale le diagnosticarono una polmonite e altre patologie. Alla fine della sua permanenza in ospedale, i medici le hanno detto che la polmonite stava regredendo. Sul foglio di dimissione è scritto “Risoluzione di focolaio broncopneumonico destro in soggetto con valvulopatia mitralica non calcifica: stenosi lieve, insufficienza moderata, insufficienza tricuspidalica moderata con ipertensione nel piccolo circolo, insufficienza aortica lieve. Scompenso emodinamico. Ipertensione arteriosa essenziale. Fibrillazione atriale permanente. Grave cifoscoliosi”. Circa 12 giorni dopo, la paziente è stata nuovamente ricoverata. I medici hanno detto che la polmonite era presente. A circa 5 giorni dal ricovero, la signora è stata molto male a causa di un edema polmonare. Ora, a quanto pare, la fase di crisi acuta è stata superata. Dato che ho letto che l’edema polmonare è in genere causato da insufficienza cardiaca, non sarebbe opportuno installare un pacemaker o qualcosa di simile? Data l'età, l'operazione potrebbe essere pericolosa? Spesso mi chiedo quale sia il motivo per cui i medici non le abbiano mai proposto l'installazione di questo apparecchio. L'unica risposta è che la paziente è troppo avanti negli anni.
Aspettando un Vostro gentile riscontro, invio i miei più cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il pace-maker viene impiantato in pazienti che presentino una frequenza caardiaca troppo bassa e NON ha alcun effetto sulla funzione ventricolare del paziente.
Non e' quindi l'eta' (anzi vengono impiantati pace maker spessissimo in pazienti proprio di quell'eta') ma verosimilmente sulla indicazione ; con molta probabilita' la frequenza cardiaca della paziente era piu' che normale, ma il problema risiede nella scarsa funzione contrattile del ventricolo sinistro.
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
Grazie, dottor Cecchini, per la Sua cortese risposta. La saluto.