Utente 239XXX
salve sono un ragazzo di 23 anni,
ho notato da circa 7 mesi un deficit erettivo ed anche molto grave a mio avviso,
non riesco a raggiungere e ancora peggio mantenere un erezione che mi permette di penetrare e raggiungo l'orgasmo solo tramite una velocissima masturbazione e dopo circa 1 o 2 ore, a volte anche più.
ho subito pensato alla malattia di la peronye ma andando da 2 andrologi e facendo ecografie peniene normali e dinamiche entrambe con PG E1 non è uscito niente, ho quindi deciso di lasciar perdere e tenermi il problema almeno per vedere come evolvesse la situazione.
Da circa un mese però ho notato che alla base del pene c'è un qualcosa di durissimo e irremovibile, quasi come una mazza che mi sta crescendo da dentro al pene tipo come un pene durissimo all'interno o sotto al mio pene, è una cosa stranissima, non riesco a capire cosa sia.
Cercherò di spiegarmi al meglio in modo da dare un idea, praticamente se provo a premere con un dito la base del pene da sopra verso sotto, tocco questa cosa durissima come una calcificazione o non so....precisamente fuoriesce da sotto l'osso pubico, sembrerebbe all'interno del pene oppure sotto al pene non si capisce......
spero che leggendo questa domanda non passiate ad un altra da come mi sono spiegato perchè proprio non ho nessun idea di cosa sia, di dove sia, e di come spiegarmi ma sta di fatto che c'è...spero che data la vostra esperienza potete avanzare almeno idee e ipotesi e consigliarmi esami precisi.
ringrazio infinitamente tutti i medici del sito,
cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Buongiorno se si sente qualcosa di duro all'interno del pene è opprtuno che ripeta una valutazione andrologica. Anche se rara alla sua età una Malattia di Peyronie o una sua variante non si può escludere.

Cordialità
[#2] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
la ringrazio della tempestiva risposta,
ma lei crede che possa essere solo la la peronye? i medici non hanno trovato nulla, io più che altro voleva anche altre possibili cause, perchè questa l'hanno esclusa
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

l'unico modo per sapere di cosa si tratta è una visita diretta, si rivolga al suo specialista di riferimento.

Un cordiale saluto
[#4] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
gentili dottori
ho ripetuto ieri un altro ecodoppler penieno, con PG E1 e ancora una volta non è uscito niente, ma come è possibile?? che cosa ho?
ora proverò a fare un altra visita ma se ne stanno andando solo tanti soldi senza capire neanche il problema....sono molto abbattuto di questa situazione.
1 domanda: è possibile che la parte dura che io sento sotto le dita e che mi dà fastidio sia talmente all'inizio del pene o diciamo( nella parte del pene interna al corpo) che con l'esame ecodoppler penieno non riesca ad arrivarci e quindi a vedere il problema??
vi ringrazio....saluti
[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

l'esame interessato è l'ecografia dinamica peniena che valuta se esistono delle modificazioni strutturali del pene. Se x ben due volte le hanno escluso patologie a livello del pene, stia più che tranquillo, ne parli al suo medico probabilmente si tratta di una patologia dermatologica.

Ancora cordiali saluti
[#6] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Ma quando ha fatto l'ecodoppler del pene ha fatto presente il suo problema all'andrologo che stava eseguendo l'esame ? Se veramente lei si sente qualcosa di anomalo all'interno del pene e lo fa presente all'andrologo dubito che questi non sia in grado di dire di cosa si tratti a prescindere dall'esito del colordoppler penieno.
[#7] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
gent. dottor castiglioni,
ovvio che ho fatto presente del mio problema all'andrologo che poi andrologo non era ma era solo la persona che fà l'esame, è così che mi ha risposto quando sono andato nello specifico e ho chiesto di visitarmi, mi ha fatto una visita veloce dicendo che non sapeva cosa fosse e che lui a malapena sentiva questa cosa dura al tatto e mi ha detto di parlare e di farmi visitare dall'andrologo e che lui esegue solo il test.
dottore ma oltre alla la peronye cosa può essere? una prostatite o una calcificazione alla prostata o una specie di calcolo o non sò...qualsiasi cosa che possa dare un sintono del genere....
[#8] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Non le resta a questo punto che sottoporsi ad una nuova visita andrologica portando con sè l'esito dell'eocdoppler penieno.
[#9] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
gentili dottori,
dovrei a breve fare la visita dall'andrologo ma mi è venuto in mente che non vi ho detto una cosa, 3 anni fà ho avuto un incidente dove ho riportato la rottura della sinfisi pubica e un allargamento di 1 cm e mezzo che è stato poi chiuso e mobilizzato con fissatore esterno.
ho letto che può esserci una correlazione con i disturbi che sto accusando, ma se davvero questo ha portato alla rottura del pene e quindi a questo problema a maggior ragione il problema è quasi interno al corpo e non si può vedere con l'ecodoppler penieno, ma quest'esame (ecodoppler penieno) è sicuro che vede tutto il pene al 100X100 oppure diciamo il pene all'interno del corpo non riesce a vederlo? perchè il mio pensiero è proprio questo.
P:S un altro sintomo che accuso anche se raro è un indolensimento nella zona pubica
cordiali saluti
[#10] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Certamente il particolare che racconta solo ora non é di poco rilievo, le consiglio vivamente di farlo presente all'andrologo che la visitera'
[#11] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
gentile dottore,
la ringrazio ma volevo essere chiarito questa cosa: l'esame ecodoppler penieno riesce a vedere tutto il pene o una parte del pene(diciamo quella interna del corpo) non riuscirà mai a vederla?
se l'esame mi esclude una la peronye posso essere sicuro al 100x100 che non lo è oppure potrebbe lo stesso essere presente una placca dove (il microfono usato per fare l'esame) non riesce ad arrivare
cordiali saluti
[#12] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
La malarria di La Peyronie solitamente si localizza nella parte pendula del pene cioè a livello dell'asta. Se lei ha avuto una diastasi puibica qualsiasi alterazione di consistenza che si palpa non è in generer riferibile a nalattia di la Peyronie; La sonda ecografica se appoggiata al perineo puo' permettere di esaninare anche la porzione interna del pene (crura)
[#13] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
gentile dottore,
la ringrazio della sua disponibilità. Anche se probabilmente non dovrei voglio farle capire meglio la mia situazione.
Io ho avuto un brutto incidente dove ho portato tante fratture oltre alla diastasi pubica, e purtroppo nella mia famiglia in questi 3 anni di guarigione ci sono stati molti problemi di tutti i generi..... i miei non mi credono di questo problema che io ho e non fanno altro che gridare al punto che non posso dirgli niente più e se me lo chiedono fingo di stare bene, altre visite non me ne fanno fare...sono psicologicamente a terra.
Io questo problema ce l'ho non l'ho sognato ma tra i dottori e test che non hanno dato niente e i miei che non mi credono mi sento solo, e abbandonato..non capito...la situazione è stressante ma io non mi faccio prendere dalla depressione o dalla testa, sono riflessivo e sempre lucido o cerco di esserlo.
Le chiedo se può essere più preciso, sò che non può sbilanciarsi senza visita e sò anche che i suoi sono (consigli,delucidazioni,consulti) e non sono una visita, ne prendo atto ma voglio sapere lei cosa ne pensa...io cosa potrei avere.
faccio mille pensieri, tumori, cisti ma niente corrisponde al mio problema e non voglio pensare a questo voglio solo capire cos'ho.
io ho avuto la diastasi pubica, ho un indolensimento pubico che và e che viene, mi è uscito 1 anno fà un edema(acquoso) dietro la schiena bassa, diciamo alla fine della colonna, ultima vertebra prima che inizia il bacino....sento una cosa durissima sotto la sinfisi pubica e non capisco se è il mio pene e non riesco ad avere erezioni decenti....cosa può essere dottore
spero che posso spiegarmi un pò come mi devo muovere, cosa può essere.....
la ringrazio ancora...saluti
[#14] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Purtroppo non riesco ad esserle di molto aiuto;
lei è maggiorenne e puo' andare dal medico di famiglia parlandogli francamente e chiedendorgli di poter fare una visita da un andrologo di sua fiducia. Porti alla visita tutti i referti del trauma e soprattutto la lastra che dimostra la diastasi pubica: il duro che sente potrebbe essere una delle due branche pubiche disassare. Ovviamente è una semplice supposizione.
[#15] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
gentile dottore,
la ringrazio di tutto, ma una frattura della diastasi pubica con conseguente aggravamento, tubercolo ecc può portare a una sorta di scontro e di intrappolamento del pene alla diastasi pubica?
io sento come se il pene fosse schiacciato dal basso contro la diastasi pubica
[#16] dopo  
Utente 239XXX

Iscritto dal 2012
gentili dottori,
oggi ho fatto la visita dal mio andrologo,urologo che mi ha visitato e ha detto che non ho proprio niente, su mia insistenza ha fatto una visita molto accurata sentendo questa durezza che parte da sotto l'osso pubico ma mi ha detto che sono nervi del pene.
io cmq sono sconfortato, non ho mai avuto questa situazione in quel punto e mi sembra stano che dove una volta c'era solo il pene ora ho 2-3 centimetri di nervi che vengono continuanuati con il pene ed inoltre ho notato proprio al centro dell'arco pubico, una spina ossuta che ho fatto ovviamente vedere all'urologo che mi ha risposto che è la spina pubica posta tra l'arco pubico, cmq mi ha prescritto una tac per "farmi contento".
vorrei chiedere:
esiste una spina pubica posta in mezzo all'arco pubico? io nn ne avevo mai sentito parlare
e poi la tac può servire per il mio problema, se fossero davvero fasci di nervi infiammati e induriti la tac lo rileva o non rileverà proprio niente
grazie per il vostro aiuto