Utente 240XXX
Gentili dottori, ho 41 anni e ho sempre avuto una vita sessuale soddisfacente. All'età di circa 30 anni ho avuto un episodio di orchite che mi ha fatto perdere il testicolo sinistro. Attualmente nel mese di Ottobre, mi sono operato all'ernia inguinale destra. Dopo l'operazione all'ernia si è manifastato un gonfiore eccessivo allo scroto. Il medico mi ha detto che era il normale decorso dell'operazione. Ho avuto febbre molto alta in quei giorni (circa 3-4) e da allora non riesco più ad avere un erezione normale. Mi succede anche di avere improvvise vampate di calore. Cosa posso fare? E da cosa può dipendere? Può essere causa di un'operazione mal riuscita? Vi ringrazio e spero di avere da voi una risposta o un consiglio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,credo che abbia avuto un idrocele e/o un'orchite che,in linea diretta,non comportano un calo sessuale ma,va da se che una visita andrologica si imponga.Eviti il faidate.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 240XXX

Iscritto dal 2012
Egregio dott. Izzo, la ringrazio per la tempestiva risposta. Ho omesso di dire che il gonfiore che si è manifestato nei giorni che seguivano l'operazione, è ora del tutto scomparso. La zona era infiammata e nella mia ignoranza penso di poter escludere un'idrocele. Rimane il fatto che il mio problema di erezione è comparso dopo quell'operazione. Il chirurgo mi ha parlato di malessere temporaneo che mi porta ad avere difficoltà erettile, ma se così fosse, quanto tempo dovrà passare per tornare alla normalità? Mi sembra che sia trascorso anche troppo. Può, il chirurgo, aver commesso qualche errore di valutazione o di esecuzione nell'operazione? Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
....dinanzi ad una visione diretta da parte del chirurgo operatore,il nostro giudizio è molto relativo...No esiste uno standard di ripresa del benessere sessuale dopo gli eventi riferiti,in quanto tale fenomeno non è una malattia ma un sintoma che,nel Suo caso,credo sia transitorio e facilmente risolvibile da un medico con competenze andrologiche specifiche.Cordialità.