Utente 149XXX
Salve,
ho una cicatrice di 17 cm sul fianco, dovuta a surrenectomia effettuata a luglio 2010. Il fianco in quel punto risulta leggermente rientrante (nel senso che toccandolo da sopra i vestiti si sente il dislivello anche non sapendo che c'è una cicatrice), la cicatrice è bianca con i contorni scuri, in rilievo solo in un punto finale per un paio di cm. E' veramente evidente e brutta a vedersi, speravo mi diventasse come le cicatrici del cesareo che dopo qualche tempo quasi non si vedono più, invece la mia è molto visibile.
Siccome non ho ancora del tutto superato psicologicamente l'intervento chirurgico che ho avuto, oltre ovviamente a prendere provvedimenti in merito, vorrei fare qualcosa per non avere più questa orrenda cicatrice, o almeno ridurla.
Ci sono trattamenti estetici che danno risultati soddisfacenti?
E' possibile rimuovere una cicatrice in esenzione ticket, o altrimenti quali sono i costi?
Pensate che la mia cicatrice, così come descritta, abbia qualche possibilità di diventare meno evidente?
Grazie anticipatamente.
[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
8% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
la cicatrice patologica deve essere classificata da uno specialista: dovesse trattarsi di una cicatrice ipertrofica o di un cheloide, il mio consiglio è quello di trattarla con metodologie non chirurgiche (ad esempio infiltrazioni di triamcinolone) sempre da personale medico esperto in questo tipo di terapie. Se la cicatrice è depressa e comunque non rientrante nelle due categorie precedenti, il mio consiglio è di asportarla (revisione chirurgica) e di ridare i punti di sutura, magari con una bella sutura intradermica che è il tipo di sutura più "estetico".
Non riesco ad aiutarla ulteriormente a distanza ma sono a disposizione per ulteriori chiarimenti dopo che avrà sottoposto ala cicatrice al giudizio dello specialista.
Cordialissimi saluti