Utente 640XXX
Salve,
Martedì 14 febbraio ho subito un intervento di vitrectomia, mediante sistema di infusione 23g (Faco+Iol in CP. Scambio fluido-PFCL-aria. Endolaser. Endodiatermia. Immissione di 0.4 cc C3F8). A quattro giorni dall'intervento ho cominciato a notare una maggiore sensibilità alla luce e, nonostante il bendaggio, a volte vedo per circa un secondo un lampo di luce. Vorrei sapere se ciò è sintomo di un ulteriore distacco retinico o un decorso naturale post-operatorio.
Durante la medicazione, oltre al forte bagliore, inizio a vedere immagini sfuocate che prima dell'intervento non riuscivo a distinguere.
La profilassi prescrittami prevede l'utilizzo di Betapioptal coll., Yellox coll, Visumidriatic coll (tutti e tre per tre volte al giorno) e Levoxacin cps per 5 giorni.

Ci tengo a precisare che alcuni giorni prima dell'intervento di vitrectomia, sono stata sottoposta, in un'altra struttura, all'immissione di gas fs6 e al trattamento con laser per due sedute.
[#1] dopo  
Dr. Caterina Cimino
24% attività
0% attualità
12% socialità
CROTONE (KR)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Buona sera gentile ragazza. Le conviene farsi rivedere dall'oculista che l'ha operata per escludere che ci possa essere una recidiva di distacco. Mi faccia sapere, un saluto!