Utente 240XXX
Buon sera, vorrei sapere quanto trempo prima è necessario non assumere più antinfiammatori o paracetamolo. Inoltre, ho letto su internet che è bene anche comunicare eventuali prodotti a base di erbe o terapie naturali o tisane che potrebbero influire sulla fliuidità del sangue. E' possibile sapere di quali erbe si tratta?
Grazie per il vostro consulto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Utente buonasera, immagino "...quanto tempo prima" di una anestesia o meglio di un intervento chirurgico.
L'assunzione saltuaria non presenta particolari rischi sempre che non si effettuino contemporaneamente terapie croniche a lungo termine con altri farmaci che agiscono sui meccanismi emocoagulativi e che possano essere potenziati nei loro effetti.
Questo non riguarda il paracetamolo che per il suo meccnismo d'azione non incide particolarmente ma altri tipi di FANS: in primis l'ASA (acido acetilsalicilico: aspirina per intenderci).
La sospensione varia da farmaco a farmaco, generalmente 7-10 gg per terapie assunte cronicamente.
Per quanto riguarda le interazioni tra coagulazione e fitoterapia devo dirle che l'argomento è veramente interessante e importante perchè comunque a volte si possono sottovalutare le interazioni che l'uso di erbe o prodotti naturali o integratori (anche vitamine) possono avere sull'emostasi, soprattutto se assunte in concomitanza di terapie croniche con farmaci che già hanno una attività scoagulativa. Queste interazioni possono crearsi sia potenziando l'attività antiaggregante piastrinica sia, attraverso una inibizione di enzimi che entrano nel metabolismo di farmaci anticoagulanti, prolungando gli effetti di questi ultimi.
Le segnalo per brevità un interessante studio del 2007 a tal proposito (allego link)

http://www.farmacovigilanza.toscana.it/fitovigilanza/193-utilizzo-in-fase-preoperatoria-di-erbe-e-rimedi-naturali

http://www.farmacovigilanza.org/fitovigilanza/interazioni/

pubblicato su Pub-Med e un altro con una lunga ma esauriente lista di sostanze vegetali che in qualche modo possono interagire nei meccanismi di cui abbiamo parlato.
Come vede la lista è lunga, i meccanismi complessi nella comprensione ma la riporto solo per dare una visione generale del problema e per una sensibilizzazione al problema.
Concludo dicendo che anche in questo caso è bene non sottovalutare ma ricordarsi di menzionare l'eventuale assunzione anche di fitofarmaci al momento della visita preoperatoria perchè non vi siano particolari controindicazioni sia con la tecnica chirurgica ma anche quella anestesiologica.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 240XXX

Iscritto dal 2012
Grazie dottore, apro subito il link che mi ha indicato. E' stato molto chiaro e preciso. Saluti
[#3] dopo  
Utente 240XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dottore, ho letto ed e' molto interessante. In genere parlando di terapie naturali si pensa sempre non possano nuocere in alcun modo. Comunque sospenderò anche questi che ad ogni modo sono stati presi per un problema influenzale. Avendo comunque l'intervento tra 11 giorni posso stare tranquilla ma riferirò comunque all'anestesista il tutto. Oltre a esami sangue e ECG dovrò anche portare una RMN con mdc encefalo di controllo avendo segnalato che anni fa mi hanno trovato un anomalia di sviluppo venoso. In genere alla fine non mi viene mai somministrato ma nel caso in cui stavolta mi venisse fatto il problema di aver assunto antinfiammatori o Ecchinacea potrebbe darmi problemi? L'ultima cosa e' questa: non mo e' stato richiesto nessun rx torace e nemmeno il gruppo sanguigno, per interventi precedenti invece si. Quale e' il motivo? L'intervento e' al seno. Grazie
[#4] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
....In genere alla fine non mi viene mai somministrato ma nel caso in cui stavolta mi venisse fatto.... ecc.
Scusi ma non capisco cosa dovrebbe essere somministrato.

Tendenzialmente non si richiede più un controllo del torace routinariamente quando l'età è al di sotto di 45/50 anni, a meno che non emergano problematiche respiratorie o in sede di visita lo richieda espressamente l'anestesista.
Il gruppo sanguigno non risulta indispensabile per questo intervento.
saluti
[#5] dopo  
Utente 240XXX

Iscritto dal 2012
In genere, nei controllo di RMN precedente, pur essendo indicato con e senza contrasto sull'impegnativa, non mi hanno fatto il mdc. Chiede o quindi se, qualora mi venisse fatto quest volta se il gadolinio potrebbe dare dei problemi avendo prendendo dei farmaci. Grazie
[#6] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Per quel mezzo di contrasto l'unico problema è la perfetta funzionalità renale o un' eventuale allergia accertata. Non altre controindicazioni con le terapie assunte.