Utente 353XXX
Gentilissimi Dottori,
da un po' di tempo a questa parte, ho notato che nello sperma sono presenti delle piccole bollicine d'aria unite ad una scarsa densita' del liquido.
Premetto che non ravviso alcun tipo di dolore e/o bruciore da nessuna parte. Di cosa potrebbe trattarsi?
Certo di una Vostra gentilissima risposta, Vi porgo Distinti Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
E' una condizione alquanto singolare ,ma non credo che si tratti di nulla di particolare nè che possa pregiudicare l'attività sessuale. La fluidificazione dello sperma è soggettiva e risente comunque del numero di attività sessuali, dell'intensità e non ultimo di fattori stressogeni e di natura psicogena.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore, la presenza di piccole bollicine frammiste allo sperma può non essere "strana"
Nel dubbio, se il fenomeno persistesse, faccia effettuare un esame del liquido seminale
cari saluti
[#3] dopo  


dal 2008
Innanzitutto grazie per Vostre le risposte.
Tornando alla fluidificazione dello sperma, volevo far presente che nel mese di gennaio ho avuto solo 4 rapporti, quindi un'attivita' sessuale minima, quindi e' strano che lo sperma sia cosi' fluido, anche perche' in esperienze passate,avvenita l'esatto contrario.
Potrebbe dipendere da un'infiammazione della prostata (anche se non ho nessun sintomo)?
Grazie.
[#4] dopo  


dal 2008
Aspetto con ansia i Vostri commenti. Saluti.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
a questo punto , per chiarire bene la sua situazione "clinica", bisogna fare un esame del liquido seminale con una completa valutazione colturale e poi eventualmente consultare un esperto andrologo. Un'altra strategia che può seguire è invece quella di fare prima una valutazione specialistica e poi , su indicazioni più mirate , seguire le indicazioni del collega che avrà avuto la possibilità di valutarla.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org


[#6] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
concordo con il collegaBeretta
[#7] dopo  


dal 2008
Grazie per le Vostre utili risposte.Saluti.