Utente 167XXX
buonasera, sono un ragazzo di 31 anni e dopo aver utilizzato per diversi anni finasteide ho cominciato ad avere problemi (non importanti) alla sfera sessuale, cosi ho deciso di smettrere 1 anno fa...li sono cominciati i guai seri: calo della libido e difficolta nell'avere e mantenere l'erezione....
sono andato da due andrologi i quali dopo visita con annesso eco doppler hanno riscontrato varicocele di primo grado, effettuato esame liquido seminale: a luglio 2011 non ottima la motilità degli spermatozoi, ripetuto a gennaio 2012 tutti i valori nella norma (esami secondo W.H.O).
Effettuate analisi del sangue dove sono stati evidenziati valori nella norma di testosterone e prolattina.
Entrambi i medici mi hanno detto che finasteride non ha causato danni e che i miei problemi sono di natura psicologica....
onestamente io non ho piu erezioni mattutine e comunque ho difficolta nei rapporti con la mia ragazza e per di piu accuso costanti fastidi al testicolo sinistro.....ho letto da qualche parte che chi ha assunto finasteride dovrebbe cominciare una terapia riequilibrante...quale sarebbe?quali esami dovrei fare per cominciare questa terapia?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

la terapia riequilibrante che lei cita si potrebbe immaginare solo quando si è documentata la alterazione dell'equilibrio ormoonale...cioè del testosterone.

per fortuna, dopo aver interrotto, ha ripristinato la sua fertilità, recuperandola pienamente come dice lei.

ritengo importante e purtroppo non unico il suo caso, post-sospensione della terapia anche a basso dosaggio di finasteride.
la difficoltà delle erezioni ritengo debba essere affrontata in mani esperte al fine di valutare una terapia che supporti le erezioni per ritornare ad avere rapporti.

ci aggiorni.

cordialità
[#2] dopo  
Utente 167XXX

Iscritto dal 2010
dottore la ringrazio per la sua celere risposta, ma se il problema non sono testosterone e la prolattina (che come ripeto da esami del sangue efettuati sono perfettamente nella norma) e non ho problemi ai testicoli o alla prostata come da visite effettuate.
secondo lei, dove posso andare a cercare le cause del mio problema ?
grazie ancora
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

ricordo che i muscoli perineali, cioè ischio e bulbo-cavernoso partecipano a mantenere le erezioni e possono essere valutati per studiarne l'efficienza contrattile.

certo, bisogna riconoscere che non è certo la finasteride ad averne modificato l'efficienza....

ci aggiorni.

cordialità
[#4] dopo  
Utente 167XXX

Iscritto dal 2010
dottore la sua disponibilità e pazienza è ammirevole e mi permetto di approfittarne per gli ultimi quesiti:
1) perchè prima di smettere con finasteride i sides erano lievi ed alla sospensione invece sono aumentati in modo impressionante?
2)ho letto su internet di alcuni medici che pensano che l'uso di finasteride porti alla modificazione dei recettori degli ormoni (almeno cosi mi sembra di aver capito), questo significa che sarò destinato a dover utilizzare per la vita farmaci come viagra o simili per poter avere rapporti soddisfacenti con la mia ragazza visto che venendo meno tali recettori non sono piu in grado di avere erezioni normali ?

GRAZIE E ANCORA GRAZIE PER LA SUA DIPSONIBILITA' !

Cordailità
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

gli effetti collaterali in corso d'opera e quelli dopo sospensione, il decorso degli stessi, l'impatto negativo sulla sessualità hanno indotto a pensare che il target del farmaco possa cambiare o modificarsi-sembra- in modo differente in pazienti differenti con esiti sulla libido e quasi certamente sulla regione ipotalamo-ipofisaria.

Mi riferisco tuttavia ad evidenze ancora in fieri, cioè preliminari...un po come la cosiddetta sindrome amotivazionale successiva all'uso di droghe o sostanze dopanti....

le auguro di migliorare...

cordialità