Utente 142XXX
Salve,
sono una signora di 60 anni,disperata!!! Ho un'atrofia mandibolare molto grave. Mi è stato consigliato il trapianto osseo per evitare un'eventuale frattura dell'osso, per poi intervenire con l'implantologia. Se non fosse possibile il trapianto,ipotesi da prendere in considerazione perchè probabilmente non attuabile, a quali conseguenze andrei incontro dal momento che il nervo è quasi all'apice della cresta???
Se invece l'ipotesi del trapianto fosse attuabile, mi consigliereste di adottare una protesi o gli impianti???
In attesa di una vostra risposta vi saluto e vi ringrazio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
se l'atrofia è estremamente grave il rischio è di frattura spontanea in ultima analisi mentre più frequente è la presenza di disturbi della sfera sensitiva ( formicolii, dolori ). se le condizioni generali lo permettono e non controindicano la chirurgia ricostruttiva sarà possibile ricostruire parte della mandibola e solitamente è la zona anteriore ma anche tutta a secondo del programma implantologico deciso con il suo chirurgo
stia tranquilla che le opzioni terapeutiche nei suoi casi le permettono un buon recupero sia funzionale che estetico
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 142XXX

Iscritto dal 2006
grazie per la risposta. se fosse possibile il trapianto ed io non volessi l'implantologia potrei mettere anche una protesi oppure no??? se no,perchè???facendo il trapianto eviterei l'insorgere di frattura spontanea della mandibola???
se non mi si frattura la mandibola "solo" formicolii e dolori???
ad oggi non ho dolori nè formicolii ma solo,raramente,una scossa elettrica al lato sinistro. grazie
[#3] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
solo il trapianto potrebbe essere inutile in quanto la compressione della protesi determinerebbe il riassorbimento dello stesso
per i dolori e formicolii di più non posso dirle in quanto non conosco il caso, ma il suo chirurgo sicuramente potrà scendere nel dettaglio meglio
cordiali saluti