Utente 240XXX
Buongiorno,
ho 22 anni e da qualche mese ho come una sensazione di contrazione dei muscoli nella zona perineale.
La contrazione riesco a controllarla quando sono seduto o coricato riuscendo a rilassare la parte per alcuni secondi, non ho altri sintomi a parte qualche fastidio al testicolo dx che comunque si fa sentire raramente.
Ho notato anche un aumento dello stimolo ad urinare forse per il fatto che la contrazione è molto simile a quando si cerca di trattenersi dall'urinare.
Passo molto tempo seduto e non ho dolori alla palpazione, pratico palestra e running senza problemi.. Non fumo e bevo raramente alcoolici..
Ad un primo consulto con il medico di base qualche mese fa, dopo palpazione della zona perineale (non esame rettale), mi disse di non preoccuparmi che probabilmente era qualcosa di muscolare e di escludere problematiche dovute alla prostata data l'età..
Il problema però sembra persistere..
Può essere un problema prostatico data la persistenza del problema?

Inoltre mi è capitato nell'ultima settimana un netto calo dell'erezione con perdita della stessa durante il rapporto (anche durante la masturbazione), forse dovuta alla frequenza dei rapporti (da 1 a 3 al gg da tempo) ma questo sembra essere superato dato che oggi dopo 3gg di astinenza sono riapparse erezioni occasionali e di consistenza soddisfacente.
Solitamente durante i rapporti tendo ad interrompere quando sto per venire per poi ricominciare.. Data la frequenza può essere causa di infiammazione alla prostata?
Faccio questa domanda poichè dopo questi 3gg di astinenza il fastidio sembra essersi leggermente attenuato ma non scomparso



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Per stabilire se si tratta di infiammazione della prostata e/o dell'apparato urogenitali è necessario eseguire una visita urologica con esami colturali ed ecografici eventualmente anche della zona perineale. La frequenza ravvicinata delle eiaculazioni perpetuata nel tempo può creare disturbi dell'apparato genitale.