Utente 554XXX
Salve, mio figlio ha 18 anni e da più di un anno sta seguendo una terapia per la cura dell'acne. Il dermatologo gli ha prescritto il Minocin 100 da prendere due volte al giorno e le creme Benzac e Retin A da mettere la prima la mattina e la seconda la sera. I risultati sono stati apprezzabili ma quando ha smesso di prendere il Minocin (nel periodo estivo) il problema gli si é ripresentato. I miei dubbi sono questi, dal momento che prende il Minocin da ormai un anno (fatta eccezione, ripeto, per il periodo estivo)non gli farà male? é un farmaco che porta all'assuefazione? ho inoltre notato una eccessiva perdita di capelli, può essere imputabile all'uso di questi medicinali?Il Dermatologo pare non si faccia problemi in proposito ma non mi convince molto.
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr.ssa Serena Mazzieri
28% attività
0% attualità
12% socialità
CHIUSI (SI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
il Minocin ( minociclina) è un antibiotico appartenente alla famiglia delle tetraciciline e si utilizza per svariate patologie, fra le quali appunto l'acne anche per periodi prolungati.
Come giustamente le ha detto il suo dermatologo non dà assuefazione e non è correlato con la perdita dei capelli. Può comunque dare vita, come tutti gli antibiotici assunti per tempi prolungati, a ceppi batterici resistenti.
Dal post non mi sembra convinta del tipo di terapia intrapresa, le consiglio di rideterminarsi con il collega, tenendo presente che attualmente vi sono molte atri tipi di terapie, locali, sistemiche o strumentali mediante l'utilizzo di appositi laser a luce pulsata che portano a miglioramento e guarigione dell'acne.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 554XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio dottoressa ma se devo dirgliela tutta il dermatologo non mi ispira molta fiducia, immagini che la prima volta per visitare mio figlio ha impiegato meno di due minuti (dico 2 minuti) di orologio ed i controlli successivi duravano dai 40 ai 50 secondi (le garantisco che non sto esagerando), giusto il tempo di guardarlo in faccia e dirgli di tornare a controllo, é da questo che nascono i miei dubbi. E' vero che abbiamo apprezzato i risultati della terapia ma un tempo così prolungato di antibiotici mi sembrava eccessivo, tuttavia mi ha tranqullizzato e la ringrazio per la risposta anche se tenterò le terapie cui faceva cenno nella sua risposta.
Saluti e buon lavoro.