Utente 143XXX
Salve, sono un ragazzo di 24 anni e ho il seguente problema:
Da lunedì 13/02 ho notato una secchezza importante del glande (dovuta forse all'uso del preservativo il giorno precedente), alla quale ho posto rimedio mettendo una crema idratante per il viso per un paio di giorni.
Da domenica 19/02 ho notato un arrossamento nella zona immediatamente sotto il glande e ho pensato ad una banale irritazione. Ho applicato una specie di "Pasta di Fissan" per alleviare il rossore e l'irritazione.
Nei giorni seguenti, sulla zona rossa in questione, sono apparsi dei puntini raggruppati a grappolo ed altre zone 1 cm sotto il glande si sono arrossate. Anche una piccola zona (0,5 cm²) sul glande è ricoperta da questi puntini.

I puntini all'aspetto sembrano brufoletti sotto pelle, lucidi, senza liquido all'interno (all'apparenza... ovviamente non ho provato a spremerli).
Questi mi prudono lievemente, ma a livello sopportabile. Quando detergo la zona, passandoci sopra le dita, avverto una sensibilità piu' elevata nelle "zone rosse" e un senso di sollievo in quanto lo sfregamento va a soddisfare il leggero prurito.

Ho rapporti sessuali solo con la mia ragazza (che non ha mai avuto malattie sessualmente trasmissibili) e l'ultimo avuto risale a domenica 12/02 (protetto con preservativo).

Soffro di una "dermatite" alle mani che nessun dermatologo è mai riuscito a identificare (consiste in una screpolatura (che somiglia molto a una screpolatura "da freddo") che compare soprattutto nei periodi in cui sono maggiormente stressato) e di una malattia autoimmune (RCU).

Domanda: cosa potrebbe essere ad aver provocato questa irritazione e puntini?
Se applicassi una crema cortisonica (Elocon: che uso gia' per la dermatite alle mani) migliorerei la situazione?

Grazie anticipatamente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Gentile utente

attenzione lle applicazioni di terapie fai-da-te, soprattutto cortisoniche e antibiotiche da banco.

Piuttosto la diagnosi deve essere effettuata con serietà e a farlo chiami pure lo specialista dermatologo venereologo che escluderà sicuramente fra tante possibilità anche una balanopostite di natura da chiarire (ce ne sono tante e diverse fra loro)

Nel frattempo si astenga da rapporti sessuali.

saluti cari