Utente 225XXX
Cari dottori innanzitutto grazie per il servizio che svolgete e per la vostra preparazione.
Il 12 agosto ho avuto un rapporto sessuale protetto durato circa un minuto dove non ho raggiunto l erezione ed inoltre non ho controllato il condom alla fine di questo breve rapporto!
La ragazza era un' escort con le quali non ho mai avuto niente a che vedere in tutta la mia vita.
Dopo aver fatto questa fesseria ho passato l inferno per paura di aver contratto l HIV. Stress devastante, mani sudate mente annebbiata e pesante,non riuscivo a dormire, ho fumato una sigaretta ogni 5 minuti e via dicendo. Dopo 18 giorni ho avuto un bisogno frequente di urinare per circa 2 gg senza bruciori, non facevo in tempo ad andare in bagno che rifacevo poca urina di nuovo. Feci il test dei 30 gg negativo ma le mie ansie e depressione non si placavano accentuato poi nel leggere internet tutto il giorno ovunque mi trovassi. Cosi dopo 52 gg una sera mi prudeva la lingua e il gg dopo mi sono svegliato con quest ultima gonfia ai lati e tutta bianca. Il mio medico mi disse: è una micosi! E vidi che era strettamente collegata all HIV. La notte tremavo nel letto addirittura! La candida non riesce passare con il micostin e il medico non mi vuole dare il diflucan perchè dice essere dannoso per il fegato! Ho effettuato il test HIV a 30 55 80 90 120 175 gg ma ho ancora paura che non ho sviluppato gli anticorpi! Oppure che il laboratorio non sia in grado di effettuarlo al meglio! Premetto che sono stato da un urologo il quale si è rifiutato di farmi il tampone uretrale. Ed ho eseguito quello faringeo ma dice candida assente possibile? Come curarla? Come escludere una sieroconversione tardiva?
Inoltre il mio test è Elisa HIV anti a/b dovrei effettuare uno che ricerca anche gli antigeni?
Esistono altre malattie che favoriscono la candida?
Vi ringrazio per la vostra disponibilità.
Mi scuso se il testo è scritto male o disordinato ma scrivo da un telefono. Grazie
[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
8% attualità
20% socialità
TORTONA (AL)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2005
Salve,
il suo poblema non è HIV ma il suo stato ansioso. Penso che parlare dell'ossessività che ha sviluppato nei rapporti del contrarre patologia meriterebbe un approfondimento con uno specialista del campo. Possibile che dietro questa reazione si nascondano altri disagi.
Potrebbe essere utile determinarsi con uno psichiatra.

Saluti