Utente 179XXX
Buongiorno a tutti.
Verso la fine dell’anno ho iniziato a provare fastidio e bruciore durante la minzione e in concomitanza delle fitte a livello dei reni e sui fianchi. Premetto che mi trovavo fuori città e ho iniziato a consultare ogni farmacia possibile: nel giro di due giorni però i dolori si sono fatti insopportabili tanto che si pensava potessero essere coliche renali. Telefonato al mio medico a casa, questo mi ha detto che secondo lui era una cistite (premetto che io soffro di cistiti ricorrenti, ma mai si manifestano in questa forma). Inizio allora con una busta di monuril e con amoxicillina. Non solo non sono stata meglio ma, se pur i dolori ai fianchi si erano attenuati, si sono create decine di vesciche all’interno delle grandi labbra e , dopo un giorno, delle specie di pustole in zona genitale ma più esterna. Il dolore era terribile. Finalmente torno dal mio viaggio e mi precipito al pronto soccorso dove il ginecologo diagnostica un herpes, anche se pareva poco convinto, e mi dice di iniziare una cura con aciclovir. Il giorno dopo vado dal medico di base che conferma la stessa diagnosi e aumenta la dose di aciclovir a 400mg. Nel frattempo faccio il prelievo del sangue per trovare gli Igg e Igm. Inizio a stare quasi subito meglio e dopo una settimana, alla visita di controllo, una dottoressa diagnostica anche lei herpes. Arrivano gli esiti degli esami e risultano negativi: il mio medico pensa a un errore e me li fa rifare in un altro ospedale a un mese dopo l’infezione…li ho ritirati ieri e son ancora tutti negativi. E’ possibile che io non abbia sviluppato anticorpi?
Grazie per l’attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
l'ipotesi più probabile è che le lesioni siano provocate da un altro agente piuttosto che da un Herpes simplex (dando per sontato che sia stato ricercato anche il tipo 2), poiché trovo poco verosimile dover pensare ad una mancata risposta specifica in un soggetto per il quale non sembra esserci motivo di sospettare un difetto immunitario globale.
Ad ogni modo, l'importante è che comunque - come sembra - il quadro sia stato ben inquadrato e ben trattato (etiologia virale-terapia antivirale).
Saluti,