Utente 241XXX
Salve, ho 41 anni, per un problema di origine psicogena, ho delle difficoltà ad avere un erezione o a mantenerla per avere un rapporto sessuale. Il medico mi ha prescritto del Cialis da 20 mg. Premetto che ho un problema di retinopatia sierosa centrale, e ho sentito dire che il Cialis provoca cecità e Naion. Potrei correre questo rischio? ed oltretutto leggo nel foglio informativo dela farmaco effetti cardiaci gravissimi di cui il mio medico non ha fatto menzione. Sono preoccupato dal poterlo utilizzare, cecita o attacchi di cuore mi sembrano un costo troppo alto per superare ansia da prestazione. Attendi consigli opportuni e ringrazio dell'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

sono segnalazioni dovute ma ancora non confermate; si legga per non tranquillizzarla a forza questo link:

http://www.medicitalia.it/giovanniberetta/news/1057/Sildenafil-Viagra-Tadalafil-Cialis-Vardenafil-Levitra-e-sordita-improvvisa

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 241XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio della risposta, a quanto pare comunque non si è in grado ne di stabilire un nesso causale con i principi attivi come il Tadalafil in relazione a queste reazioni avverse ma neppure si ha ( mi sembra) una conoscenza cosi precisa dei meccanismi di azione di principi attivi appunto come il Tadalafil da poter escludere la relazione con questi effetti collaterali. Vero è che il consumo è mondiale ogni giorno, ma sembra quasi un fatto di sfortuna poter incappare in Naion o altre avverse conseguenze, che se il farmaco fosse conosciuto scientificamente nelle sue proprietà dovrebbe poter essere invece deducibile la relazione con certe patologie o meno.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Solo la ricerca e l'esperienza clinica ci permetterà nel tempo di chiarire anche questi particolari e rarissimi effetti collaterali che non sono sicuramente collegati ai farmaci ben noti.
[#4] dopo  
Utente 241XXX

Iscritto dal 2012
Lei dice che questi rarissimi ed avversi effetti collaterali non sono sicuramente collegati ai farmaci, eppure vengono annoverati tra gli effetti collaterali del Tadalafil, per cui se da un lato non si puo confermare con certezza il nesso causale con questi effetti avversi non si può neppure escluderlo, addirittura oltre alla Naion c'è l'aritmia ventricolare. Trovo spaventosi ( a dir poco) questi effetti collaterali e di fatto un collegamento con questi farmaci evidentemente a livello almeno di "possibilità remota" esiste. Non riesco a capire comunque come può un farmaco vasodilatativo creare un ischemia retinica o attacchi cardiaci e fibrillazioni, sembrerebbe dover essere il contrario. Cordiali saluti e grazie dell'attenzione rivolta.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

tutte le sue osservazioni e perplessità generali sono condivisibili ed infatti io le ho scritto:" Solo la ricerca e l'esperienza clinica ci permetterà nel tempo di chiarire anche questi particolari e rarissimi effetti collaterali che non sono sicuramente (cioè in modo sicuro e certo) collegati ai farmaci ben noti."

Quel "sicuramente", non specificato, ha creato a lei una certa comprensibile confusione.

Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
se l'etiologia è psicogena della sua difficoltà erettiva, gli approcci terapeutici possono anche essere altri ed arginare gli eventuali effetti collaterali del farmaco, valutando le sua patologia retiniche.
Inoltre, le pillole dell'amore, non sempre sono risolutiva, ma spesso sono sintomatiche, funzionano fino a quando lei le assumerà.
Credo che alla sua giovane età, un approccio più ampio sarebbe utile, per recuperare salute e funzionalità sessuale.
Legga qualche mio articolo sull'argomento.
Saluti.


http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1593/Mancanza-d-erezione-10-cose-da-sapere

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/106/Dipendenza-psicologica-dalla-terapia-orale-per-il-deficit-erettivo

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1929/Mancanza-d-erezione-il-sintomo-va-sempre-tolto-o-talvolta-mantenuto
[#7] dopo  
Utente 241XXX

Iscritto dal 2012
Vi ringrazio per i puntuali pareri ed esposizioni. Volevo chiedervi un ultima cosa, spesso si sente dire che la casua di un eiaculazione precoce è la brevità del frenulo, a me è stato diagnosticato un frenulo breve eppure ho tempi molto lunghi e spesso difficolta ad eiaculare, nonostante il frenulo breve. Com'è possibile questo? forse il frenulo allora non è causa di E.P. Scusate per questi dubbi e perplessita confido in vostre risposte, grazie.
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Questa sua informazione su una correlazione stretta tra frenulo corto ed eiaculazione precoce non è precisa e non tutti gli andrologi la condividono ed io sono tra questi.

Ancora un cordiale saluto.
[#9] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Concordo con l'affermazione del dr.Beretta, correlare la compessità dei tempi eiaculatori e la caleidoscopica sfera della sessualità a qualche millimetro, è vano e falso.
Segua le indicazioni del collega.
Saluti
[#10] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

la "certezza" di avere un deficit erettile di natura psicogena è molto, molto diffcile anche se possibile.
Bisognerebbe vedere come "funziona" il sistema vascolare deputao ad indurre, raggiungere e mantenere una valida erezione.
I dubbi circa gli effetti collaterali di famaci 5PDEi potrebbero essere fugati dallo specialista o utilizzando altre modalità terapeutiche.
cari saluti
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

ma lei ha già consultato in diretta un bravo ed esperto andrologo?

Cordiali saluti.