Utente 274XXX
Buongiorno,
Scrivo a voi perchè ho un problema che mi "affligge" da diverso tempo. Circa due anni fa sono stati riscontrati alla mia ragazza dei condilomi. Nel giro di un mese sono comparsi anche a me. Lei è stata operata e non sono mai più tornati. Io li ho rimossi provando prima la laser terapia, poi crioterapia poi di nuovo laser e via così. A distanza di due anni continuano però a ricomparire, scompaiono (dopo averli rimossi) e nel giro di due mesi ricompaiono. Piccolini, ma perchè li prendo in tempo. Volevo chiedere a voi, non esiste un modo per evitare le recidive? O per lo meno un qualcosa che mi aiuti a contrastarli visto che le sole terapie laser e crio sembrano non funzionare? Oppure magari un qualche metodo che mi permetta di rimuoverli in poco tempo e senza bisogno ogni volta di andare dal dermatologo. Per esempio so che per le verruche esiste uno spray che le elimina nel giro di un paio di giorni. Per i condilomi non c'è nulla? Almeno da avere una vita "sessuale" abbastanza normale (tengo a precisare che da quando sono comparsi la prima volta ho avuto solo più rapporti protetti).
Vi ringrazio anticipatamente per la vostra disponibilità,
cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente ulteriori provvedimenti terapeutici oltre a quelli fisici e chirurgici,sono dati dall'appliczione di prodotti per uso topico tipo imiquimod,podofillotossina e 5-fluorouracile.Tale considerazione non sostituisce il rideterminarsi con il Venereologo che l'ha in cura, il quale valuterà sempre il trattamento più opportuno al SUO caso.
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Ho appena parlato di questa cosa con un mio paziente che ha "saltato" il controllo mensile, ripresentandosi purtroppo dopo 2 mesi e mezzo con una recidiva più ampia di quella iniziale.

questo perchè non tutti i condilomi guariscono al primo colpo, o meglio: le recidive possono insorgere anche a breve distanza di tempo dall'esecuzione del trattamento poichè alcune lesioni sono sub-cliniche (cioè non si evidenziano) ma già attive.

pertanto, gentile utente, oltre ai trattamenti è sempre utilissimo prescrivere le terapie domiciliari antivirali topiche, ma soprattutto è fondamentale effettuare i controlli successivi con una certa puntualità, fino a completa guarigione.

cari saluti
[#3] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2007
Gentili dottori,
per prima cosa vi ringrazio per la risposta alla mia richiesta. Io faccio controlli periodici e infatti riesco quasi sempre a prenderli per tempo i condilomi, cioè quando sono ancora piccoli. Però è abbastanza frustrante che dopo 2 anni continuino a comparire. Oramai li avrò tolti almeno 10 volte! C'è come dire un limite di tempo oltre il quale è quasi matematico che scompaiano? Scusate la mia ignoranza in materia, ma quali potrebbero essere cure antivirali topiche?
Devo anche dire che io ho tentato di curarli (esasperato perchè continuavano a comparire) con la crema aldara. Ho seguito le dosi consigliate ma non mi ha fatto alcun effetto. Nemmeno un pochino di irritazione. E l'ho provata per più o meno 3 mesi consecutivi(come indicato). Forse dovevo aumentare le dosi?
Il mio dermatologo ogni volta che vado mi dice che l'unico modo è quello di bruciarli con il laser ogni volta che compaiono, questo però non mi aiuta molto. Dopo due anni gradirei eliminarli completamente anche perchè così non sono mai tranquillo. Cosa potrei fare?
Vi ringrazio ancora per la vostra disponibilità e cortesia,
cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
E' opportuno, Gentile utente, prestabilire delle specifiche analisi dell'immunità cellulo - mediata per validare se lei si sta difendendo di meno; per ciò che mi concerne, solitametne utilizzo terapie immunomodulanti, in caso di condilomatosi recidivanti.

ne parli con il suo dermatologo, ben sapendo che lui saprà come affrontare (meglio di noi da tal sede) la situazione.

cari saluti

[#5] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente, forse quello che scrivo non compare, ma le terapie immunomodulanti topiche le sono state già state scritte nel mio post precedente.
Vanno dopo il trattamento chirurgico o fisico per prevenire la comparsa di recidive, ma tutto ciò va sempre valutato dal dermatologo che ha sott'occhio la SUA situazione,con controlli periodici.
Saluti
[#6] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Per ulteriore chiarezza, anche e soprattutto per il nostro utente che ha reiterato il suo problema nell'ultimo post e per chi ci legge, ritengo utile, definire meglio cosa intendo per ricorso alla terapia immunomodulante nel caso della patologia in oggetto:

nell'ultima asserzione del sottoscritto non si legge la parola "topica" associata a questa terapia proprio perchè a questa non voleva farsi riferimento;

al contrario, la citazione era ed è relativa alla terapia immunomodulante "sistemica":

pertanto utile ancora, per il nostro utente e per chi legge - in virtù della mia precedente scarsa chiarezza in merito alle due terapie immunomodulanti adottabili - classificare queste 2 terapie (utilizzabili in caso di condilomatosi recidivanti, sia dopo che durante le terapie ablative delle lesioni e, meglio, se anticipate da un attento screening sierologico dell'immunità cellulo-mediata):

1) terapia immunomodulante TOPICA (già citata): è una terapia somministata in forma farmaceutica in veicolo di emulsione O/A (olio in acqua, in pratica una "crema") e possibile in due principi attivi principali:

a) PODOFILLOTOSSINA
b) IMIQUIMOD
c) 5-fluoruracile (ed altri agenti minori)

2) Terapia immunomodulante SISTEMICA (quella che intendevo riferire nel mio ultimo intervento e che spiego di seguito):
Essa è una terapia di "supporto" non sempre francamente "farmacologica" (anche se esistono veri agenti farmacologici in grado di implementare alcune cellule dell'immunità) solitamente percorribile con integratori (anche e soprattutto principi attivi naturali, NON omeopatici) : esistono in commercio molteplici principi attivi (prescrivibili dal Dermatologo) anche associati in grado di supportare il sistema immunologico e stimolare una migliore risposta agli agenti infettivi.

Ancora, le terapie immunomodulanti sistemiche quindi sono riassumibili in :

a) terapie immunomodulanti sistemiche ASPECIFICHE (appena citate e sempre utilizzabili)

b) terapie immunomodulanti sistemiche SPECIFICHE : i cosiddetti "vaccini"

- nel nostro caso è utile citare, sebbene non sia praticabile perchè inutile per il sesso maschile, l'ultimo nato in tema di terapie immunomodulanti sistemiche specifiche quale il "Gardasil" (possibile la citazione farmaceutica poichè unico nel suo genere in commercio) che è appunto l'immunoterapia specifica - ad oggi sulla cresta dell'onda - per la difesa contro il cancro della cervice uterina mediato dall'HPV (Human papilloma virus : ceppi oncògeni 6,11,16,18)

Spero che, adesso sia più chiara la menzione del sottoscritto riguardo la terapia immunomodulante e ringrazio il Dott. Benini per aver fatto notare la carenza - del sottoscritto - riguardo detta menzione, la quale poteva sembrare, una ripetizione a quanto da Egli testè già esaurientemente asserito.

mi sembra altresì ultile allegare il link ad un precedente consulto di medicitalia.it in tema di HPV e condilomatosi nel quale il sottoscritto ha fornito un "decalogo" ad uso dell'utente per avere un pò più di chiarezza su questi temi, ad oggi tanto discussi:

http://www.medicitalia.it/02it/consulto.asp?idpost=24839

cari saluti
[#7] dopo  
Utente 274XXX

Iscritto dal 2007
Gent. dottori,
Volevo solo ringraziarvi per la vostra disponibilità e il vostro aiuto che tramite questo sito offrite. E' un prezioso aiuto e supporto a tutte quelle persone che magari hanno una certa difficoltà a trattare questo genere di problemi con il dermatologo. A questo punto direi che sarebbe meglio per me farmi visitare da un altro dermatologo visto che quello attuale propende solo per una soluzione temporanea (laser ogni volta che compaiono) senza altro tipo di rimedio. Vi terrò informati. E grazie ancora per tutto. Fossero tutti come voi... :-))
cordiali saluti.