Utente 563XXX
Salve,sono una ragazza di 21 anni che, nell'ultimo anno,ha avuto 2 crisi di orticaria. La seconda volta, sono arrivata ad un passo dallo shock anafilattico, e la dottoressa del pronto soccorso ha ritenuto opportuno prescrivermi una visita allergologica ed i rispettivi test. Dai prick test sono risultata allergica:al frumento e alla nocciola. Ma la dottoressa, visto "strane reazioni cutanee"(macchia rossa ma assenza di bolla) per quanto riguardava il pomodoro e l'albume d'uovo, mi ha prescritto anke le analisi del sangue. Da lì, oltre al frumento e alla nocciola, sono risultata positiva anke a pomodoro, mela, arachidi, ma negativa all'albume d'uovo. Ho iniziato una dieta in cui evito di ingerire questi alimenti,ma mi sono accorta ke continuo ad avere reazioni cutanee e asma, e non mi spiego il perchè!Inoltre, il mio medico curante mi ha fatto notare ke, nonostante le varie allergie, il valore degli eosinofili era nella norma:com'è possibile?Vorrei avere una risposta,poichè,purtroppo x me, alla clinica allergologica della mia città mi è parso chiaro di non avere a che fare con persone..."competenti"!Grazie mille!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi
48% attività
0% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
provo a darle qualche informazione, (con tutti i limiti annessi e connessi) in attesa che un collega allergologo le risponda.

Dalla sua dottoressa può farsi dare le tabelle delle reattività crociate. Che significa questo termine? Alcuni alimenti (molti di più di quello che si pensa) hanno una "somiglianza" strutturale con altri, diversissimi; e se si è allergici ad uno di questi, automaticamente si è allergici anche ad altri.

Ci sono inoltre condizioni che possono alterare la risposta agli alimenti, come condizioni non perfette dell'intestino (coliti, appendicopatie croniche, stipsi ecc).

Per quanto concerne il dosaggio degli eosinofili, la somministrazione di corticosteroidi potrebbe aver abbassato la conta di un'esinofilia non troppo reattiva.
______________________________________________________________

A margine voglio farle un altro discorso: tenga presente che l'allergico è un soggetto che è
"reattivo" all'ambiente e al nutrimento e per "ambiente & nutrimento" non s'intende solo l'aria e il cibo ma anche tutte quelle componenti emozionali che accompagnano la vita quotidiana in famiglia, nella scuola, nel lavoro, nella società.

Il nutrimento non è solo il cibo in senso stretto ma è anche il nutrimento dell'"anima", della nostra affettività, l'amore, l'amicizia, la realizzazione personale, la comunicazione.

Può darsi che lei ritenga che le abbia detto "sciocchezze" ma la prego, comunque, di considerarle.

Cordialmente
Agnesina Pozzi


[#2] dopo  
Utente 563XXX

Iscritto dal 2008
Grazie di tutto cuore per aver risposto al mio quesito.E,ci tengo a sottolineare ke,non penso affatto ke siano "sciocchezze" le cose ke mi ha detto,anzi sò benissimo ke esiste una stretta relazioni tra gli stati d'animo e le malattie!Ma credo ke questo sia uno dei periodi più tranquilli della mia vita,anche se non escludo ke possa essere dovuto a qualcosa di "emotivo" ed io non me ne renda conto. La ringrazio ancora di tutto cuore e provvederò subito a chiedere alla dottoressa la scheda da lei consigliata.Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi
48% attività
0% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Non c'è di che, si figuri!
Un abbraccio.

Agnesina Pozzi