Utente 206XXX
Buonasera

Faccio questo consulto perchè mi trovo davanti a un interrogativo...

Ho da poco effettuato un holter pressorio, da cui sono risultato iperteso. a 25 anni.
Se vedete il mio consulto precedente troverete anche i valori dell'esame, che sono alquanto alti, con picchi di 180/115 nel giorno (media 155/95) , calo fisiologico nella notte (media 130/70 - minimo 105/48)

Da quel giorno ho iniziato una dieta ipocalorica, tanta frutta e verdura, sale eliminato totalmente. Gradualmente sono arrivato ad un'ora al giorno di attività fisica (camminata veloce). Prendo degli integratori a base di aglio e omega 3 (olio di pesce), dato che ho sentito abbiano un buon effetto sui livelli di colesterolo e trigliceridi. Inoltre data la mia indole ansiosa (soffro di disturbi da attacchi di panico e sono ipocondriaco) stò prendendo una mezza pasticca di tavor 1mg mattino, pomeriggio e sera. Non fumo (o meglio, ex fumatore ma ho smesso da un pò, ho fumato per 7-8 anni). Mi sono rifiutato di prendere farmaci contro l'ipertensione... Almeno per ora...

Sto tenendo sotto controllo la pressione a casa, avendo la possibilità di provare diversi strumenti di misurazione fra cui 2 misuratori da polso e un misuratore da braccio. I valori che mi restituiscono sono pressochè identici quindi presumo siano affidabili (dopo averlo confrontato anche con il misuratore del medico).

Ho provato a misurarla A CASA a riposo, seduto, sdraiato, in piedi, sotto sforzo, appena dopo aver salito le scale... In tutte le situazioni possibili. Ed i valori oscillano tra 130-140 su 80-90 di media...

Oggi vado dal medico, mi trova la pressione a 150/100.

Ora voglio capire, ma cosa succede?

Esiste una remota possibilità che sia l'ansia a giocarmi brutti scherzi durante le misurazioni dal medico, oppure sono tutti i miei misuratori che sono "falsati" ?

Come devo fare per effettuare a CASA una misurazione corretta? io penso di averla misurata sempre nel modo giusto...

Durante la misurazione con l'holter sono stato più volte agitato, spesso sull'orlo della "crisi di panico" mentre sentivo il rumore del bracciale che si stringeva... Può avere influito secondo voi?

Voglio solo capire come comportarmi, saperne di più, se quello che stò facendo è utile o meno... Se sono utili le automisurazioni o cosa...

Grazie in anticipo!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
lei soffre della cosiddetta sindrome da camice bianco, ossia in situazioni vissute con particolare stress ne determina una scarica adrenergica tale da alzare i suoi valori pressori. In tali casi sono i valori riscontrati a casa ad esser veritieri, e nel suo caso normali.
Stia sereno e continui con tale regime di vita.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 206XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la risposta dottore!

Sto continuando a misurare la pressione almeno due volte al giorno, e si presenta sempre attorno i 135/75 max 80 e questo mi tranquillizza molto...
Intanto sto continuando con la dieta ipocalorica e l'esercizio fisico, che mi fanno sentire bene anche mentalmente!

Tuttavia ho notato un fenomeno abbastanza strano...

Quando effettuo la misurazione della pressione in piedi, a volte la minima risulta essere leggermente più alta, fino ad arrivare anche a 90 (92 l'altra sera).
Ma solitamente la misurazione non si fà da seduti? Cosa cambia se sto in piedi e perchè risulta essere piu alta? Devo misurarla sempre in piedi?


(per quanto ne sapevo io, di solito in piedi dovrebbe risultare più bassa... cosa succede?)