Utente 121XXX


SITUAZIONE STATO DI SALUTE

Anno 2003 Tre bay pass , la situazione del cuore e stabile e viene seguita,

certo non e nelle migliori condizione ma va benino.

Numero tre interventi alla cervicale 2006 2007 2009 ,

Da accertamenti sono emersi Aorta adominale di 25 mm Iliaca SX di 25 mm

Mieloma multiplo dal 2006 viene costantemente controllato ed e stabile

Dolori alla parte alta della schiena, che creano rigidità muscolare al collo con mal di

testa muscolo tensiva.

Nel 2008 per dolori muscolari al sacro e alle gambe, vengo operato al sacro e viene fatta una

stabilizzazione con barre e viti peduncolari L 4 L 5 S 1, ma il dolore non e mai

andato via, ora e lancinante .

E presente ed era presente una ernia paramediana DX e STENOSI

Da elettromiografia e presente una sofferenza L 4 a SX L 5 a DX

E stato provato con nucleo plastica, ma inutilmente la sonda non passava.

Di li mi e stato consigliato il neurochirurgo.

Chiedo e possibile intervenire in anestesia locale? visto che la totale gli anestesisti

sono restii. E potrebbe essere possibile eventualmente togliere le viti ed innestare

distanziatori . Naturalmente dovrà essere eseguita una visita. Ma la risposta se fosse

possibile in anestesia locale mi rincuorerebbe .

Ringrazio sentitamente e porgo cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, premesso che si intende per A. Locale quella ottenuta" con una o più infiltrazioni locali di anestetico nella zona da operare", non quindi una Spinale o Peridurale, e che non ho ben compreso a che tipo di intervento Lei debba essere sottoposto, la scelta del tipo di anestesia dipende da svariati fattori: le condizioni del paziente, le esigenze chirurgiche e non ultimo anche il fattore tempo. Mi spiego meglio: se l'intervento è lungo e la posizione scomoda (come potrebbe essere nel suo caso) si può creare uno stato di stress che è più dannoso di una buona generale ben condotta. Per darle una risposta bisognerebbe conoscere l'intervento e le esigenze del chirurgo, ma non le nascondo che sono leggermente dubbiosa sulla possibilità di una locale.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 121XXX

Iscritto dal 2009
EGREGIA DOTTORESSA LA RINGRAZIO PER LA TEMPESTIVITA' DELLA RISPOSTA IO PRATICAMENTE DOVREI ESSERE RIOPERATO AL SACRO E PRESENTE UNA STENOSI E UN ERNIA PARAMEDIANA DX IL PRECEDENTE INTERVENTO E STATO FATTO VELOCEMENTE IL RISCHIO CARDIOLOGICO E LIEVE L'INTERVENTO POTREBBE ESSERE AL MASSIMO DI TRE ORE MA I SUOI COLLEGHI INDICANO L'ADDOME UN PO PROSPICENTE UN ELEMENTO DI RISCHIO E TUTTA LA SITUAZIONE GENERALE CHE E UN UN PO PROBLEMATICA COME AVRA' LETTO LA RINGRAZIO E LA SALUTO CORDIALMENTE
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, ricapitolando i suoi due post, mi sembra di aver capito che i colleghi anestesisti abbiano ovviamente riscontrato un aumento del rischio anestesiologico, ma non per questo l'abbiano giudicata non operabile. L'intervento non sarà breve, anche perchè si tratta di un reintervento e pertanto sempre più impegnativo, ma non mi sembra di aver capito che i colleghi si rifiutino di sottoporla ad un tipo di anestesia che sembri loro il più consono. Certo le hanno fatto presenti i problemi, ma è normale fare ciò, anche perchè il paziente deve essere informato di tutto per poter firmare un consenso informato congruo.
Le faccio i nostri auguri e se lo desidera ci tenga informati.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 121XXX

Iscritto dal 2009
Gentilissima dottoressa, la ringrazio ancora lei un po mi rincuora, da come o capito qualcosa si puo fare, ma purtroppo due suoi colleghi, certamente mi anno dissuaso a l'intervento troppo rischioso. Pero mi permetta possibile con le tecniche esistenti oggi
ci si metta paura, questa e la mia impressione che o nei confronti dei suoi colleghi perlomeno qui, io sono di roma e vivo in una isola o visto che interventi precedenti fatti in continente e tutt'altra cosa lei mi dirà torni li, ma sa ci vogliono soldi purtroppo. Spero di non aver violato le regole che impongono questo bellissimo servizio, e vi ringrazio tutti di cuore ancora grazie. Cordiali saluti