Utente 242XXX
salve ho una bimba di 5 anni che è allergica al latte e derivati da quando aveva 1mese,facciamo esami ogni 6mesi per controllare i valori e risulta sempre allergica,ma ci sono probabilità che possa togliersi quest allergia?e vero che non può fare iniezioni?attendo una vostra risposta cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Gentile Signora rispondere alla sua domanda ed in generale darLe informazioni sulll'allergia al latte per una bimba così piccola è difficile da fare con una risposta in poche righe. Il corredo diagnostico, la sintomatologia clinica della bimba e le possibiltà di risolvere o affrontare in maniera corretta il problema varia da caso a caso ed è fatto di valutazioni strettamente correlate al caso. Che esami avete fatto?…che esami fate per monitorare l'allergia? ...Quali sono i sintomi della bimba? ...Evitate il solo latte come tale o per esempio la bambina introduce derivati (mozzarella, formaggi) alimenti contaminati da latte etc? sono queste informazioni utili per darLe un contributo. Parlarle in generale dell'allergia al latte non ha senso; ci sono bambini che hanno solo sensibilizzazione (anche importante) alle proteine del latte e tollerano tutto, ci sono altri che hanno una reattività selettiva solo per una delle proteine del latte, ci sono bambini che pur allergici vengono svezzati con il latte nel corso del tempo dopo un'attenta valutazione e programma di intorduzione dell'alimento, ci sono anche allergie al latte che in realtà poi non sono allergie (anche questo succede!) e ci sono poi casi gravi di allergia alimentare. Sicuramente in qualità di mamma avrà fatto di tutto e Le consiglio (non per eludere le sue legittime domande, bensì per il bene della bimba) di affrontare tutto con il suo allergologo o pediatra poichè nessuno che non conosca sua figlia può rispondere a domande che hanno risposte con tanti se e tanti ma. Tra l'altro, per esperienza, non si fidi di cio' che dicono amiche, conoscenti o trarre conclusioni per sentito dire. Instaurare con il suo medico di fiducia un buon programma terapeutico è ciò che di meglio puo' fare e Le assicuro che spesso questa strada è quella risolutiva.