Utente 242XXX
Salve,
ho 21 anni e ho contratto quest'infezione 2 anni fa.
Le visite specialistiche sono state parecchie. Le prime confermavano la presenza di batteri da streptococco gruppo d. Sono stato per diverso tempo senza riuscire ad ottenere risultati. L'ultimo specialista che ho incontrato ha individuato l'infezione sotto la voce "UREAPLASM A UREALITICO" (sinceramente non so se sia la stessa cosa). Lo stesso dottore è riuscito a debellare l'infezione come dimostrano gli infiniti test che ho dovuto ripetere. Ora però, nonostante test anche molto precisi (a dire del dottore) quale ad esempio la ricerca PCR per gonococco, clamidia e micoplasmi non abbiano rilevato presenze batteriche, il bruciore che avvertivo prima continua a persistere ancora oggi. L'andrologo mi ha prescritto un nuovo test dal nome "SACRAL LATENCY TEST" utile a suo dire per verificare la rapidità con cui il cervello capta le informazioni nervose provenienti dal pene. Ora, io non so a cosa mi possa servire questo test se non a spendere altri soldi. Vorrei un Vostro parere sulla mia situazione divenuta, Vi posso garantire, molto molto noiosa.
Le domande che Vi pongo sono le seguenti:
Cosa può determinare, in assenza di infezione ormai da più di 5 mesi, la continuazione di tale bruciore?
E' un esame, quello consigliato dal mio dottore, utile a capire come poter intervenire sul problema?
In attesa di Vostre risposte Vi ringrazio anticipatamente e Vi porgo Cordiali Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

diventa difficile valutare da questa postazione senza vedere i vari esami fatti e la loro attendibilità, certo è che un bruciore rimane tale ed in più con una storia clinica di infezione. Una valutazione più approfondita per rilavare la presenza o meno di altre infezioni sarebba consigliabile.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 242XXX

Iscritto dal 2012
Gent.mo Dr. Maretti,
innanzitutto La ringrazio per l'intervento.
Scusi, però, l'ignoranza, ma cosa significa che il bruciore resta tale? Mi sta dicendo che avrò a vita questo bruciore? Per quanto concerne poi gli ulteriori test da fare, può gentilmente indicarmene qualcuno oltre quelli già fatti? La informo che i test già svolti sono i seguenti: spermiocoltura, urinocoltura, ricerca su tampone uretrale e poi il PCR su sperma che ho già esposto nel messaggio iniziale.
Forse sto approfittando troppo della sua gentilezza, però può immaginare come avere questo fastidio a 21 anni e non riuscire a debellarlo possa far sentire.

In attesa di Sue ulteriori risposte Le porgo Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

"il bruciore resta tale" nel senso che è , nel suo caso, un sintomo da infezione come dimostra la sua anamnesi ecco che quindi bisognerebbe vedere i germi ricercati e l'attendibilità degli esami culturali fatti e tutto questo per suggerirne dei nuovi, ma da questa postazione è impossibile valutare.
Il consiglio è di consultarsi con il suo medico che valutando direttamente saprà gestirla per il meglio.

Un cordiale saluto
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega che mi ha preceduto, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/199-cistiti-ed-uretriti-urina-brucia.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html,

http://www.medicitalia.it/salute/prostata .

Un cordiale saluto.